PDA

Visualizza la versione completa : Ben arrivati!



vitalba paesano
04-12-08, 19:42
L'avevano chiesto alcuni, ma, in fondo, lo volevamo tutti, uno spazio natalizio per scambiarci idee, ricette, ipotesi di regali, ricordi e fantasie. Chi comincia? Io ho deciso che farò il patè vero a Natale, vi darò la ricetta, contateci! ciao a tutti vp

Cristina Ricchetti
09-12-08, 14:39
ricordi di infanzia, natale dai nonni, famiglie numerose,
le donne intente alla preparazione di grandi quantitativi
di dolci, ricordo i cannoli alla siciliana della zia 'Chiacchia',
come la chiamavo io, tutti messi in fila, ancora caldi, sul
tavolone del tinello, ed io, con il naso ad altezza del piano,
mi inebriavo dei profumi, e un pò nascosta, un pò no,
cercavo di raggiungerne uno, solo per assaggiarlo, per
leccarne un pò il ripieno dolce, cremoso, squisito.
E la nonna Maria che preparava il croccante sul marmo
che scivolava caldo e odoroso mentre lo livellava e gli dava
la forma mmmmh pura gioia infantile, regalo per
gli occhi e i nasi di noi piccoli, ubbidienti commensali.

Cristina Ricchetti
09-12-08, 18:45
Proprio in questo periodo penso sia nostro dovere
non dimenticarci di chi si batte non stop per i diritti
fondamentali dell'essere umano, soprattutto di
quelle associazioni non governative indipendenti
che si finanziano solo con il dono volontario di
ognuno di noi .... .....e sono molte, qui sotto, fra le
tante, un video di Amnesty International

<object width="425" height="344"><param name="movie" value="http://www.youtube.com/v/iiN7CNJO1gI&hl=it&fs=1"></param><param name="allowFullScreen" value="true"></param><param name="allowscriptaccess" value="always"></param><embed src="http://www.youtube.com/v/iiN7CNJO1gI&hl=it&fs=1" type="application/x-shockwave-flash" allowscriptaccess="always" allowfullscreen="true" width="425" height="344"></embed></object>

Maria Bertuzzo
14-12-08, 18:20
certamente non dimentichiamo queste onorevoli associazioni...
Adesso vi regalo una bella leggenda, però devo trovare il modo per farlo perchè mi dice che non posso comunque riguarda l'immagine che segue. La copio:
C'era una volta in un paese tra i monti, un vecchio mercante. L'uomo viveva solo, non si era mai sposato e non aveva più nessun amico. Per tutta la vita era stato avido e avaro, aveva sempre anteposto il guadagno all'amicizia e ai rapporti umani. L'andamento dei suoi affari era l'unica cosa che gli importava. Di notte dormiva pochissimo, spesso si alzava a contare il denaro che teneva in casa, nascosto in una cassapanca. Per avere sempre più soldi, a volte si comportava in modo disonesto e approfittava dell'ingenuità di alcune persone. Ma tanto a lui non importava, perchè non andava mai oltre le apparenze. Non voleva conoscere quelli con cui faceva afari. Non gli interessavano le loro storie e i loro problemi e per questo motivo nessuno gli voleva bene. Una notte di dicembre, ormai vicino a Natale, il vecchio mercante non riusciva a dorire e dopo aver fatto i conti dei guadagni, decise di uscire a fare una paseggiata. Cominciò a sentire delle voci e delle risate, urla gioiose di bambini e canti. Pensò che di notte era strano sentire tanto chiasso in paese. Si incuriosì perchè non aveva ancora incontrato nessuno, nonostante voci e rumori sembrassero molto vicini. A un certo punto cominciò a sentire qualcuno che pronunciava il suo nome, chiedeva aiuto e lo chiamava fratello. L'uomo non aveva fratelli o sorelle e si stupì. Per tutta la notte, ascoltò le voci che raccontavano storie tristi e allegre, vicende familiari e d'amore. Venne a sapere che alcuni vicini erano molto poveri e sfamavano a fatica i figli; che altre persone soffrivano la solitudine oppure che non avevano mai dimenticato un amore di gioventù.
Pentito per non aver mai capito che cosa si nascondeva dietro le persone che vedeva tutti i giorni, l'uomo cominciò a piangere.
Pianse così tanto che le sue lacrime si sparsero sul cespuglio al quale si era appoggiato.
E le sue lacrime non sparirono al mattino, ma continuarono a splendere come perle.
Era nato il vischio.