PDA

Visualizza la versione completa : La pensiamo anche noi così?



vitalba paesano
30-09-10, 17:04
Dalla rassegna stampa di oggi.

maria luisa
02-10-10, 19:35
Dalla rassegna stampa di oggi.

Non sempre ma io negli ultimi due mesi ho letto 5 libri. Una media che poi
non mantengo durante i mesi invernali. Però sarei curiosa di sapere se l'8%
di cui si parla, è riferito a quelle persone che comprano un libro!
L'ultimo libro mi è stato prestato è : Carlos Ruiz Zafon ll gioco dell'Angelo. E' un libro in cui si intrecciano storie incredibili dal sapore "faustiano".
In questo romanzo si parla anche di un cimitero, dove vengono raccolti libri a cui nesuno pensa più, per farli vivere per sempre. Non mi è piaciuto molto, ma ho estrappolato un passaggio, come sempre faccio quando leggo un libro.
"La religione è un codice morale che si esprime mediante leggende, miti o qualunque tipo di artefatto letterario al fine di istituire un sistema di credenze, valori e norme con i quali regolare una cultura o una società"

Attilio A. Romita
02-10-10, 19:41
Sarebbe simpatico conoscere la chiave di lettura che ciascuno di noi da alla frase estrapolata da Maria Luisa.
Io ne estraggo una sensazione che altalena tra due definizioni della religione come "oppio dei popoli" e "salvezza delle genti".
Forse ho le idee un po' confuse o la frase, bella esteticamente, dice tutto ed il contrario di tutto! Ma io sono un banale tecnicastro:o

maria luisa
04-10-10, 12:34
Sarebbe simpatico conoscere la chiave di lettura che ciascuno di noi da alla frase estrapolata da Maria Luisa.
Io ne estraggo una sensazione che altalena tra due definizioni della religione come "oppio dei popoli" e "salvezza delle genti".
Forse ho le idee un po' confuse o la frase, bella esteticamente, dice tutto ed il contrario di tutto! Ma io sono un banale tecnicastro:o

Sono credente, praticante, anche se dopo aver ascoltato il vangelo di ieri,
avrei tanti dubbi sulla mia fede!, Detto questo, "oppio dei popoli"
"salvezza delle genti? Mi piace pensare che se tutto ciò, miti leggende e credenze, mi aiutano a credere nell'esistenza del soprannaturale, ben vengano! Forse per me sarà più oppio che salvezza? Pazienza!!!:(:o

Maria Bertuzzo
04-10-10, 13:40
Dalla rassegna stampa di oggi.

purtroppo è risaputo, si legge poco e tante sono le persone che non leggono per nulla...trovo anche però che i libri siano troppo cari e questo non favorisce di certo la lettura, ci sono le biblioteche è vero ma non tutti hanno la fortuna di averne una a portata di mano!
Qualsiasi iniziativa per incentivare la lettura ben venga...

Maria Bertuzzo
04-10-10, 13:49
Sarebbe simpatico conoscere la chiave di lettura che ciascuno di noi da alla frase estrapolata da Maria Luisa.
Io ne estraggo una sensazione che altalena tra due definizioni della religione come "oppio dei popoli" e "salvezza delle genti".
Forse ho le idee un po' confuse o la frase, bella esteticamente, dice tutto ed il contrario di tutto! Ma io sono un banale tecnicastro:o

"La religione è un codice morale che si esprime mediante leggende, miti o qualunque tipo di artefatto letterario al fine di istituire un sistema di credenze, valori e norme con i quali regolare una cultura o una società"


Un sistema di credenze con le quali regolare una cultura o una società (estrapolazione dell'estrapolazione) questo vale per tutte le religioni a mio parere e condivido pienamente il pensiero

Roberto Gioffredi
04-10-10, 18:46
Non sempre ma io negli ultimi due mesi ho letto 5 libri. Una media che poi
non mantengo durante i mesi invernali. Però sarei curiosa di sapere se l'8%
di cui si parla, è riferito a quelle persone che comprano un libro!
L'ultimo libro mi è stato prestato è : Carlos Ruiz Zafon ll gioco dell'Angelo. E' un libro in cui si intrecciano storie incredibili dal sapore "faustiano".
In questo romanzo si parla anche di un cimitero, dove vengono raccolti libri a cui nesuno pensa più, per farli vivere per sempre. Non mi è piaciuto molto, ma ho estrappolato un passaggio, come sempre faccio quando leggo un libro.
"La religione è un codice morale che si esprime mediante leggende, miti o qualunque tipo di artefatto letterario al fine di istituire un sistema di credenze, valori e norme con i quali regolare una cultura o una società"
-
Mi sembra una delle tante frasi scritte da chi non ha alcuna religione e che magari vive per denigrarle.
La Religione è cosa diversa, un sentimento che si forma individualmente e che nonostante il dilagare di 'propagande avverse', non soffre alcuna crisi.
Io non sono stato influenzato da leggende, miti o da artefatti letterari (!?).
Sul Web c'è un gran dilagare di frasi del genere ma è sempre la stessa musica, quella musica che insinua sempre che chi ha Fede in una Religione sarebbe un po' pirla.