PDA

Visualizza la versione completa : Occhio ai nipotini!



vitalba paesano
04-10-10, 10:29
Dalla rassegna stampa di oggi

maria luisa
04-10-10, 10:58
[QUOTE=Vitalba Paesano;23872]Dalla rassegna stampa di oggi[/QUOT

Condivido in pieno! Però, io l'articolo l'avrei intitolato, occhio ai nostri figli
Tranne qualche caso n cui è la nonna a prendersi cura di loro, il cibo viene
loro dato dalla mamma! Parlo perchè ho dei nipoti in sovrappeso, ma purtroppo i miei interventi sul problema, sono interventi da suocera!:mad:
Buona giornata anche a te Vitalba e a tutti .

Attilio A. Romita
05-10-10, 23:32
Scusa Maria Luisa, ma, tanto per cambiare non sono d'accordo.
Le mamme ed i papà moderni sono molto più attenti "alla linea" di quanto non lo fossimo noi, a parte qualche estimatore di TWIGGY.
I nonni sono molto più benevoli, come lo sono stati i miei nonni due secoli fa, e come lo siamo noi e tutti i nonni che seguiranno nel prossimo millennio.
Ma tu, Maria Luisa, sei sicuramente l'eccezione!:):p:):p

Adriana Peratici
06-10-10, 10:29
Ogni persona vede il problema dalla sua ottica, sono certa che Attilio avrà dei figli attenti all'alimentazione dei suoi nipoti, ma io sono più d'accordo con Maria Luisa. Anch'io tante volte sgrido mio figlio che al sabato porta il bambini al bar e alle dieci e mezza di mattina compera loro focaccia e patatine, per fortuna i miei nipoti vanno all'asilo e almeno in Emilia gli asili sono molto attenti all'alimentazione dei bambini, e poi andranno a scuola a tempo pieno, così continueranno le buone abitudini alimentari. Io cerco di fare sempre i ravioli in casa, dove abbondo in parmigiano e carne di stracotto, così che una volta congelati, alla sera velocemente mia nuora non ha problemi, piacciono tanto a bambini. sono nutrienti, ed è un piatto unico.:p:p:p

vitalba paesano
06-10-10, 11:01
Ogni persona vede il problema dalla sua ottica, sono certa che Attilio avrà dei figli attenti all'alimentazione dei suoi nipoti, ma io sono più d'accordo con Maria Luisa. Anch'io tante volte sgrido mio figlio che al sabato porta il bambini al bar e alle dieci e mezza di mattina compera loro focaccia e patatine, per fortuna i miei nipoti vanno all'asilo e almeno in Emilia gli asili sono molto attenti all'alimentazione dei bambini, e poi andranno a scuola a tempo pieno, così continueranno le buone abitudini alimentari. Io cerco di fare sempre i ravioli in casa, dove abbondo in parmigiano e carne di stracotto, così che una volta congelati, alla sera velocemente mia nuora non ha problemi, piacciono tanto a bambini. sono nutrienti, ed è un piatto unico.:p:p:p
Nonna fantastica! ci... adotti?!;)

maria luisa
06-10-10, 13:06
Nonna fantastica! ci... adotti?!;)

Vitalba, guarda che non sono male neanche io!:p
Purtroppo ( a volte dico per fortuna!:o) abito lontan da loro. Ma ogni volta che ci vado , sono stracarica di cibo, cotto al forno, verdura e quant'altro! Ma una volta ogni tanto serve solo ad accontentarli perchè sono cibi che la mamma non cucina! Comunque sono sicura che Adriana mi batte!:)
Un saluto a tutte e due e a chi passa!

Maria Bertuzzo
06-10-10, 21:22
Condivido quanto dice Attilio, nello stesso tempo sono sicura che sia Adriana, sia Maria Luisa sono nonne attente e contribuiscono ad una corretta alimentazione, ma non sempre è così...

maria luisa
06-10-10, 21:32
Scusa Maria Luisa, ma, tanto per cambiare non sono d'accordo.
Le mamme ed i papà moderni sono molto più attenti "alla linea" di quanto non lo fossimo noi, a parte qualche estimatore di TWIGGY.
I nonni sono molto più benevoli, come lo sono stati i miei nonni due secoli fa, e come lo siamo noi e tutti i nonni che seguiranno nel prossimo millennio.
Ma tu, Maria Luisa, sei sicuramente l'eccezione!:p:):p

Scusa Attilio, ma questa volta sono io a non essere d'accordo con te!
Essere benevoli non significa essere indifferenti alla loro salute.
I genitori hanno meno tempo oggi, ed è più facile e veloce, dar loro cibi,
precotti e merendine confezionate!
Ebbene sì, io e aggiungo Adriana siamo un'eccezione!:D

Adriana Peratici
07-10-10, 07:21
Veramente in Emilia abbiamo una lunga tradizione di piatti tradizionali preparati in casa. Io ad esempio sono solo un'ombra di come era brava mia mamma, e ricordo che avevo poco più di dieci anni quando alla domenica mia madre impastava la pasta, poi lei proseguiva con i mestieri di casa (lavorava in fabbrica e doveva lavare perchè non c'erano lavatrici e fare tutto alla domenica), e toccava a me continuare a tirare la sfoglia con la macchinetta e fare le galine, pezzetti di pasta pizzicati nel mezzo. E così tutte le domeniche: Mi metteva in cucina a controllare il cibo. A Piacenza molte nonne preparano ravioli ed altro per i figli. Però mi rendo conto che la mia è l'ultima generazione che prepara in casa. Le gastronomie sono piene di queste cose, ma naturalmente sono care ed il gusto è completamente diverso. Però ci si abitua a tutto anche a cambiare gusto, infatti già tante persone dicono che hanno trovato una gastronomia dove i cibi sono proprio buoni, quando io vado a comperarli non sono neppure l'ombra di quelli fatti in casa, e poi naturalmente del parmigiano (che è l'ingrediente più caro ma anche il più nutriente) non si sente neppure l'odore :p:p:p

Attilio A. Romita
07-10-10, 09:10
.....di scatenare una guerra di religione con le nonne cuciniere.
Intanto una precisazione necessaria: nelle mia famiglia dalle nonne, alle mamme a noi ed ai miei figli piace mangiare bene e tutti "abbiamo una certa praticaccia in cucina"! Tra tutti l'unico sovrappeso sono io!
Seconda precisazione: la differenza tra cucina sana, buona e correttamente dietetica. Le liste di buone e sane cose fatte dalla "mie amiche" Adriana e Maria Luisa piacerebbero, forse, molto al prof. Calabrese "in borghese", ma sicuramente avrebbe qualcosa da ridire quando veste i panni di scienziato dell'alimentazione.
Terza storiella: in un libro, scritto da un ebreo sulle caratteristiche degli ebrei, era riportata questa definizione delle mamme ebree "sono quelle che mettono un golf al figlioletto quando LORO hanno freddo", riportata alla nostra querelle: "le nonne sono quelle che offrono ai loro nipoti quelle cose che, per vari motivi, non possono più mangaiare".
Quarta considerazione: ma avete mai provato, serenamente, ad andare a mangiare hamburgher e patatine fritte in un locale che il sabato pullula di ragazzini felici di poter trasgredire a quel rigido menu salutare che la scuola propone o a qquei saporitissimi e pesanti piatti che la nonna propone?

Quinta storia: da che mondo e mondo:

all'occhio delle nonne i genitori avvelenano i figli
all'occhio dei genitori le nonne rimpinzano i nipoti
all'occhio dei nonni, genitori e nonne sono un po' rompiscatole con regole di vita sana e la lieve trasgressione è un piacere da non trascurare
.

..ed ora:p:D:);) concedetemi di mangiare con i miei nipotini, e prima che le nonne se ne accorgano, qualche merendina piena di grassi saturi e le patatine fritte nell'olio riciclato dagli scarti del petrolio.

Un caro rapido saluto a tutte le nonne ...devo scappare a fare il pane.

maria luisa
07-10-10, 20:07
Non sono in guerra con nessuno:.:) Andiamo per ordine!
- Non mi pare tu sia in sovrappeso
- Non so se la mia sia una cucina, sana dietetica o semplicemente buona. Di sicuro non è grassa!
- Ero come le mamme ebree che coprivano i loro figli se avevano freddo!:p
- Anche se nonna, posso mangiare e mangio di tutto!
- Sono andata da Mac Donald a mangiare gli hot dog (che schifo!) e patatine felice di vederli felici!
Sesta storia:
. all’occhio delle nonne i genitori avvelenano i figli ( qualche volta!)
. all’occhio dei genitori le nonne rimpinzano i nipoti ( mi dicono il contrario)
. All’occhio delle nonne , i nonni sono un po’ rompiscatole!:D:D

Adriana Peratici
08-10-10, 06:48
Risposta esatta!!!!!!!!!:D:D:D

Attilio A. Romita
09-10-10, 08:42
.....è vero sono rompiscatole e da nonno mi hanno nominato Generale a 5 stelle del grande esercito dei rompiscatole.
.....sovrappeso, grazie del complimento, ma il mio amico medico dice che dovrei perdere una quindicina di chili (Lui è solo Colonnelllo di quell'esercito ...sarà invidia?).
....ho la disgrazia di digerire anche i sassi ....specialmente se sono imburrati!
.... dietetico, sano, magro, gustoso mi ricordano tanto la storiella di quella signora che mandava la figlia al mercato con la prescrizione di comprare uova fresche, grandi ed a buon marcato! Peccato che oggi non esistano più quelle figlie che ubbidiscono e quelle signore ....sono costrette a non mangiare uova.
....è vero le nonne non rimpinzano i nipotini, ma che fare se le nonne sono spesso a dieta ....e fanno come le mamme ebre!!!

E per finire: sono un guerrafondaio specialmente per le guerre di religione ..mangereccia!!!

maria luisa
09-10-10, 19:48
Parto dalla penultima, basta parlare di cibo sono a dietaaaaa:D:D.......

Cristina Hess
22-10-10, 23:19
Mah! Certo che i genitori di oggi sono in carriera e non hanno tempo di cucinare, e quando cucinano sono piatti venuti giù dritto dall'ultimo Ducasse perché sono tutti foodies (oppure sono disoccupati e mangiano quello che possono, ma questo è un altro film). I bambini e gli adolescenti corrono dalla scuola al corso di musica al calcio al corso di inglese, con mamme autista che non hanno neanche loro il tempo di respirare, e tutti quanti arrivano a casa e si spalmano chi sul divano, chi sul letto, chi con in mano il telecomando e chi il joystick. Una caricatura? Mica tanto, spesso i giornali pubblicano le percentuali di quelli che ancora pranzano in famiglia, e sono sempre in calo. Se notate, a volte non ci sono neppure più tavoli, nelle case, solo banconi e tavolini da salotto che all'occasione servono per poggiarci un piatto mentre si guarda l'ultima serie trasmessa. E quando il tavolo c'è, c'è anche l'ammazzaconversazione acceso - pardon, il televisore.
Ora, mangiare è un atto sociale e la sensazione di sazietà si raggiunge concentrandosi sul cibo. Per questo a chi è a dieta consigliano di prepararsi tavola anche se è solo, di sedersi e di mangiare con calma, masticando bene ed assaporando gli alimenti.
Dove vorrò arrivare - vi chiederete.
Ebbene, i nonni la carriera l'hanno già fatta. Anche se non sono ancora in pensione, non hanno più figli da spupazzare e si spera che la vita abbia loro insegnato che correre non serve a molto. Quindi possono insegnare ad assaporare il cibo, santissima cosa a patto di non cercare di ingozzare i nipoti come oche da foie gras. Benedetti i nonni, che non hanno banconi design ma tavoli veri.
Anche se non preparano la pasta in casa, se la loro cucina è tradizionale è più equilibrata di quella di rosticceria, sebbene se in certe regioni ci si guadagni a togliere un po' di carne ed aggiungere qualche verdura.
E i nonni che portano i nipotini al fast food non sono legioni, e poi va bene anche quello, in via eccezionale però.

maria luisa
24-10-10, 16:54
Ho appena accompagnato i miei scatenati maschietti a casa!
Non basta occhio" ma occhi ai nipoti!
Nonostante i consigli del medico che mi aveva raccomandato
di non sottoporre ad ulteriori sforzi, i miei doloranti polsi, non ho saputo
rinunciare alla dolcezza di prendere in braccio il piccolino, e sentire due braccine profumate di shampoo e bagnoschiuma, che mi stritolavano il collo! Ecco chi mi fa sentire ancora importante e utile!
Sensazione enormemente appagante!:):):)

Maria Bertuzzo
10-02-11, 12:18
da ANSA.it

Cibo spazzatura riduce il QI dei bambini
Studio inglese: troppi dolci e patatine fritte provocano danni alla capacità mentale
08 febbraio, 20:25

Cibo spazzatura riduce il QI dei bambini

LONDRA - I bambini che si alimentano abitualmente con 'junk food', il 'cibo spazzatura', rischiano di subire danni permanenti alla loro capacità mentale. E' quanto emerge da uno studio condotto dall'Università di Bristol e pubblicato oggi dal Daily Mail.

La ricerca ha dimostrato che i bambini che mangiano patatine su patatine fritte, dolci e pizza prima dei tre anni, a otto anni si ritrovano con un quoziente intellettivo inferiore ai coetanei che nella prima infanzia sono stati nutriti con verdure, frutta e pasti preparati in casa. I risultati dello studio hanno rivelato un divario di ben cinque punti nei quozienti intellettivi dei bambini che hanno sempre mangiato sano e quelli che invece erano abituati ad alimenti da fast food. Pauline Emmett, la responsabile della ricerca, ha affermato che, anche migliorando la qualità dell'alimentazione, per alcuni bambini potrebbe essere troppo tardi, perché gli effetti nocivi possono essere cronici: "I bambini che mangiano troppi cibi zuccherati o confezionati non hanno abbastanza vitamine, che significa che il loro cervello non può raggiungere il suo livello ottimale. Una sana alimentazione nei primi anni di vita é essenziale perché è il periodo in cui il cervello cresce più rapidamente".

Attilio A. Romita
11-02-11, 08:26
Il bello ed il brutto del giornalismo è di voler fare di ogni notizia un evento eccezionale.
Per prima cosa vorrei notare che la traduzione del termine junk in spazzatura è una estremizzazione del significato originale della parola.
JUNK vale scarsa qualità, ciarpame, anticaglia.
Seconda osservazione. Nel testo del lancio giornalistico si dice che esiste un divario tra bambini che hanno mangiato sano e bambini che si sono cibati continuamente dai fast food.
Infine la dottoressa inglese dichiara testualmente : "I bambini che mangiano troppi cibi zuccherati o confezionati non hanno abbastanza vitamine, ....", e si evince che la famosa riicerca scientifica è arrivata ad una nozione che mamme, nonne, bisnonnne e bisavole già sapevano.

Non per essere pignolo, ma .............:p:mad::p:)