PDA

Visualizza la versione completa : Bentrovati amici grey panthers



Giorgio Calabrese
24-01-09, 18:49
Cari amici Grey Panthers, bentrovati. Vitalba mi ha invitato a partecipare a questo forum di over 50 e siccome il mio capello bianco in questo caso aiuta, ho aderito volentieri, anche se i miei numerosi impegni non mi permetteranno di essere sempre qui con voi come vorrei. Mi farà piacere, comunque, selezionare per voi buone letture (i miei articoli!) corrispondenti a ottimi criteri e comportamenti nutrizionali. Perchè grey panthers è bello ed... essere in forma pure! A presto. Giorgio Calabrese

vitalba paesano
24-01-09, 18:54
E grazie a Giorgio Calabrese, grey panther autorevole in materia. Questo nuovo forum consente lo scambio di opinioni, conoscenze, informazioni, comportamenti in ambito alimentare. A questo forum si accompagna, come sempre, una parte editoriale, che inizia da subito proprio con un articolo di Giorgio Calabrese sull'alimentazione per over 50. Ben arrivati a tutti. vp

Maria Bertuzzo
25-01-09, 10:26
in genere gli amici si accolgono con un benvenuto e un augurio di buona permanenza. Ben contenta di leggere tutti gli articoli sull'argomento e di ricevere consigli.
Grazie per la tua presenza sul forum.
Maria

Buona giornata a tutti:)

Cristina Ricchetti
26-01-09, 09:56
Veramente grande soddisfazione devo esprimere per
questa novità importante, necessaria ed autorevole.

Leggerò con attenzione e se possibile, interagirò
con domande e scambi di esperienze ed opinioni.

Complimenti a Vitalba e grazie ancora per la disponibilità
al prof. Calabrese.

Cristina :):)

vitalba paesano
26-01-09, 13:49
Grazie a Cristina e agli amici che condividono questo interesse. Mi piacerebbe incominciare a chiacchierare come sempre tra di noi. Come è cambiata la nostra alimentazione nel tempo? Sarebbe interessante tracciare un profilo sui nostri gusti e sui comportamenti, per esempio, negli ultimi 10 anni. Chi comincia? vp

Maria Bertuzzo
27-01-09, 11:56
Non voglio fare il prezzemolo (tra l'altro mi sembra che abbia delle proprietà che forse proprio Giorgio Calabrese potrà spiegarci meglio), ma semplicemente ho tempo a disposizione e tra una cosa e l'altra entro nel forum.
Ho dato sempre importanza all'alimentazione nella mia vita cercando di mangiare sano e bene, di tutto un po'. Negli ultimi anni quindi non è cambiato nulla, forse le dosi qualche volta, ma sempre per quella famosa tendenza ad ingrassare comune a tante/i. Credo che il nostro corpo a volte ci richieda lui stesso l'alimento di cui ha bisogno in quel momento, per cui se mi viene voglia di mangiare qualcosa di cui potrei anche fare a meno, non me ne privo e di fronte a un primo piatto gustoso non faccio tante storie e non riduco le dosi, caso mai mangio solo quello.
Fortunatamente la salute mi accompagna, speriamo continui per tanti anni ancora.
Ciao a tutti
Maria:)

Cristina Ricchetti
01-02-09, 11:12
Parto dal presupposto, non tanto condiviso, soprattutto tra
le persone over 50, che non vivo per mangiare, ma
mangio, poco, per vivere.
Certamente in quel poco, compariranno variazioni non del
tutto salutari, ma la sobrietà e il forte senso del limite,
caratterizzano da qualche anno le mie scelte, soprattutto
alimentari. Accompagnata da sempre da un certo senso
di colpa nei confronti dei popoli malnutriti e di chi, senza
esagerare, muore letteralmente di fame, entro negli
straripanti ipermercati con lo sguardo sempre un po’
stralunato di chi si stupisce di cotanta ricchezza, varietà,
abbondanza oltre l’immaginabile, oltre le reali umane
necessità. Così cerco, nel mio piccolo, di non ’togliere’
ulteriormente a chi già non possiede il minimo, e mi siedo
a mangiare sempre con rispetto e misura, distanza e
consapevolezza.
Detto questo, il resto viene da se, nel senso che si possa
immaginare come nelle mie preparazioni sia tutto
alquanto misurato ed anche soggetto a notevoli
critiche da parte dei miei familiari, in particolare dei
giovani, sottoposti alle pressioni pubblicitarie ed agli
stili di vita non sobri, almeno dal punto di vista della
nutrizione, dei loro amici.
Penso infine che una alimentazione responsabile, senza
nulla togliere alle tradizioni culinarie locali, alla gioia
di una tavolata ricca più di commensali che di portate,
sia sempre da auspicare e utile ad una vita lunga e sana.
Cordialmente saluto
cristina
PS
Per le regole fondamentali, leggo con interesse, condivido
e cerco di attenermi ai consigli del professore.

Maria Bertuzzo
02-02-09, 09:14
Mandali da me i tuoi figli... altro che schifezze, il mio ha un amico che apprezza moltissimo i miei cannelloni e allora quando li faccio, in genere la domenica, ne faccio qualcuno di più e la sera preparo la piccola teglia con "gli avanzi" che quasi sempre viene portata a casa dell'amico così non vanno fuori a mangiare schifezze.
Ciao sorellina, Maria
A parte gli scherzi anch'io ho sempre un occhio di riguardo verso quei popoli che non hanno da bere oltre che da mangiare per cui non ci sono mai sprechi in casa mia e neanche abusi, da anni ho imprato ad utilizzare il più possibile dei cibi, anche le foglie più esterne delle insalate, spesso le faccio cotte, lo stesso per i finocchi, per tuti i tipi di verdura, pulisco tutto bene e cuocio e poi con gli avanzi, sapessi quante frittate e che buone...condivido quello che hai detto in pieno

Cristina Ricchetti
02-02-09, 10:13
Non avevo dubbi Maria,
ti manderò i miei figli che
sicuramente gratificherai,
riguardo agli avanzi e le
foglie dell'insalata,
come immaginerai,
io pure !!!
Grazie, un bacio
crisss ;)

Maria Bertuzzo
02-02-09, 12:04
ho fatto un collegamento fulmineo in questo momento e ti vedo in linea, buona giornata, ciao Maria

vitalba paesano
02-02-09, 12:34
Quanta saggezza su questo sito! e quanta esperienza! passo, leggo, condivido, aspetto altri interventi prima di dare la parola a Giorgio Calabrese. Buona giornata a tutti. vp

Cristina Ricchetti
03-02-09, 12:40
Cara Vitalba, un conoscente mi chiede di
scrivere una domanda per il professore,
riguarda le spezie.
A parte il buon sapore e colore che le
spezie danno agli alimenti,
quali funzioni nutritive possono avere ?
In particolare è vero, come si sente in
giro, che curry e zafferano, possono
avere buone valenze antiossidanti ?
Se si, le dosi perchè abbiano un reale
effetto possono essere quelle consuete
per noi europei, o dovrebbero essere
inserite con più frequenza nelle
preparazioni giornaliere ?
Quali effetti indesiderati potrebbero,
eventualmente, arrecare ?
Grazie mille :o
Cristina

vitalba paesano
03-02-09, 13:11
Cara Cristina, prima ancora che il prof. Calabrese si esprima, mi permetto di fare qualche considerazione.
prendiamo ad esempio il curry; come sai, a seconda della formulazione si può avere un curry "mild", mediamente piccante, o "sweet", molto piccante, e questo già costringe a fare dei distinguo.
La formulazione classica del curry, poi, comprende pepe nero, cumino, coriandolo, cannella, curcuma, ma anche chiodi di garofano, zenzero, noce moscata, peperoncino. Allora dovremmo cominciare a risalire ai pregi del peperoncino, a quelli dello zenzero. ..Mi permetto di dire, allora: le spezie sono da sempre un insaporitore dei cibi, ne accompagnano la varietà, ne arricchiscono il gusto, non "nutrono" in sè. Non incomincerei a usarne in dose massiccia per favorire i pur benefici effetti. Quanto agli ossidanti, ti inserisco questo link di sicuro interesse (sono comunque ad alto indice nutritivo!). http://alimentazione-naturale.blogspot.com/2007/05/antiossidanti-quali-alimenti-sono-pi.html
La salute, di pure da parte mia al tuo conoscente, è frutto di un variegatissimo mix di comportamenti virtuosi. Un caro saluto. vp