PDA

Visualizza la versione completa : Rassegna stampa di venerdì 8 maggio



vitalba paesano
08-05-09, 17:03
Carissimi, quest'oggi ho selezionato per voi due articoli: nel primo si parla di bambini, nell'altro di acquisti presso i discount. Buona lettura. vp

Adriana Peratici
08-05-09, 19:41
Io penso che al discount si debba fare una scelta. Meglio provare un prodotto, se per noi va bene, lo si ricompera. Così al discount normalmente si fa anche più in fretta. Scartati i prodotti che non fanno al nostro caso, si compera solo quelli che vanno bene, così si entra con idee chiare. Ora che il discount venda anche marche, sono un po' perplessa: penso sia meglio aspettare che al supermercato ci siano le offerte speciali. All'inizio erano molto snobbati dalla medio-borghesia ora però vedo tante mie amiche che non avrebbero mai confessato di farvi la spesa. Però ci sono tanti supermercati che hanno tre categorie di scelta. Primo prezzo, (prezzo discount) - prezzo con la marca del supermercato - e prezzo di prodotti reclamizzati. Ognuno in base alle proprie esigenze può scegliere, però bisogna perdere mezza giornata se si vuole confrontare prezzi e qualità (infatti il prezzo al Kg è scritto piccolissimo e qualche volta ho trovato un primo prezzo che costava di più degli altri). Certo il discount serve per contenere i prezzi. Perchè una volta che il supermercato si è impossessato del territorio, alza i prezzi. Infatti la stessa catena di supermercato vende lo stesso prodotto con prezzo differente nelle varie città. Ben venga la concorrenza. Adriana

Adriana Peratici
08-05-09, 19:56
Non credo che sia giusto stravolgere la natura! Se la natura dice che a 14 anni una donna è pronta ad avere figli, a 25 si può benissimo diventare mamma. Infatti questo voler aspettare i 35 anni che ora va di moda, non mi sembra giusto! Infatti dopo, quanto arriva il desiderio di maternità, tante volte la natura si ribella ed i figli non vengono. E' vero che manca il lavoro e la stabilità economica, ma forse perchè c'è anche poca volontà di prendersi delle responsabilità. Non so se sia più giusto divertirsi da giovani ed aver problemi da anziani (i figli che non sono ancora indipendenti quando a noi è passata la voglia di provvedere a tutto) oppure aver una famiglia da giovani ed essere più tranquilli da anziani (come ha fatto la nostra generazione). Certo che il mondo cambia, e arriveremo come in tanti paesi che i figli se ne vanno di casa (quasi cacciati) giovanissimi, e se vogliono continuare gli studi lo fanno lavorando. Io penso che prima si costruisce qualche cosa (una famiglia) e prima si raccolgono i frutti! - Adriana