PDA

Visualizza la versione completa : Maggioranza silenziosa



Attilio A. Romita
25-07-09, 20:39
Una nota che vale la pena di leggere.
E' in inglese, ma comprensibile.

A German's View on Islam

This is by far the best explanation of the Muslim terrorist situation I have ever read. His references to past history are accurate and clear. Not long, easy to understand, and well worth the read . The author of this email is said to be Dr. Emanuel Tanay, a well known and well respected psychiatrist.

A man, whose family was German aristocracy prior to World War II, owned a number of large industries and estates. When asked how many German people were true Nazis, the answer he gave can guide our attitude toward fanaticism. 'Very few people were true Nazis,' he said, 'but many enjoyed the return of German pride, and many more were too busy to care. I was one of those who just thought the Nazis were a bunch of fools. So, the majority just sat back and let it all happen. Then, before we knew it, they owned us, we had lost control and the end of the (our) world had come. My family lost everything, I ended up in a concentration camp and the Allies destroyed my factories.'

We are told again and again by 'experts' and 'talking heads' that Islam is the religion of peace, and that the vast majority of Muslims just want to live in peace. Although this unqualified assertion may be true, it is entirely irrelevant. It is meaningless fluff, meant to make us feel better, and meant to somehow diminish the spectra of fanatics rampaging across the globe in the name of Islam.

The fact is that the fanatics rule Islam at this moment in history. It is the fanatics who march. It is the fanatics who wage any one of 50 shooting wars worldwide. It is the fanatics who systematically slaughter Christian or tribal groups throughout Africa and are gradually taking over the entire continent in an Islamic wave. It is the fanatics who bomb, behead, murder, or honour-kill. It is the fanatics who take over mosque after mosque. It is the fanatics who zealously spread the stoning and hanging of rape victims and homosexuals. It is the fanatics who teach their young to kill and to become suicide bombers.

The hard quantifiable fact is that the peaceful majority, the 'silent majority,' is cowed and extraneous.

Communist Russia was comprised of Russians who just wanted to live in peace, yet the Russian Communists were responsible for the murder of about 20 million people. The peaceful majority were irrelevant.

China's huge population was peaceful as well, but Chinese Communists managed to kill a staggering 70 million people.

The average Japanese individual prior to World War II was not a warmongering sadist. Yet, Japan murdered and slaughtered its way across South East Asia in an orgy of killing that included the systematic murder of 12 million Chinese civilians; most killed by sword, shovel, and bayonet.

And, who can forget Rwanda , which collapsed into butchery. Could it not be said that the majority of Rwandan! s were ' peace loving'?

History lessons are often incredibly simple and blunt, yet for all our powers of reason we often miss the most basic and uncomplicated of points: Peace-loving Muslims have been made irrelevant by their silence. Peace-loving Muslims will become our enemy if they don't speak up, because like my friend from Germany , they will awaken one day and find that the fanatics own them, and the end of their world will have begun.

Peace-loving Germans, Japanese, Chinese, Russians, Rwandans, Serbs, Afghans, Iraqis, Palestinians, Somalis, Nigerians, Algerians, and many other s have died because the peaceful majority did not speak up until it was too late.

As for us who watch it all unfold, we must pay attention to the only group that counts; the fanatics who threaten our way of life.

Lastly, anyone who doubts that the issue is serious and just deletes this email without sending it on, is contributing to the passiveness that allows the problems to expand. So, extend yourself a bit and send this on and on and on! Let us hope that thousands, world wide, read this and think about it, and send it on - before it's too late.

Cristina Ricchetti
26-07-09, 00:22
Sono assolutamente d'accordo, e chi può non esserlo?
La Pace, il Vivere nella Pace, il Popolo della Pace, La Maggioranza
che desidera la Pace Non deve essere Silenziosa, perchè la Pace non
è silenzio, disinteresse, egoismo, passività ed Indifferenza, ma è un
Movimento Attivo, che si costruisce, trasversale, universale, ed è
Contro Tutti i Soprusi, le Dittature, le Prevaricazioni, le Violenze, le
Discriminazioni, è fatta da Voci Alte e Deve Difondersi a Contagio,
perchè il Silenzio, la Passività e l'Indifferenza verso i Pochi Manovratori
Fanatici e Contraffattori, ha contribuito e contribuisce a procurare
immani sofferenze all'Umanità.

Maria Bertuzzo
26-07-09, 08:11
Per fortuna Google mi aiuta
ecco la traduzione per tutti! Spero sia fatta bene...

Un tedesco di vista sull'Islam

Questo è di gran lunga la migliore spiegazione della situazione del terrorismo musulmano che abbia mai letto. I suoi riferimenti alla storia passata siano precisi e chiari. Non molto tempo, facile da capire, e vale la pena leggere. L'autore di questo messaggio si dice che sia il Dr. Emanuel Tanay, un noto e rispettato psichiatra.

Un uomo, la cui famiglia è stata tedesco aristocrazia prima della seconda guerra mondiale, un certo numero di proprietà di grandi industrie e tenute. Quando è stato chiesto quante persone erano tedesco vero nazisti, ha dato la risposta può guidare il nostro atteggiamento verso il fanatismo. 'Pochissime persone sono state nazisti vero', ha detto, 'ma molti apprezzato il ritorno di orgoglio tedesco, e molti altri sono stati troppo occupati a prendersi cura. Sono stato uno di quelli che solo il pensiero nazisti erano un mucchio di stupidi. Così, la maggior parte solo sabato e lasciare indietro tutti i accadere. Quindi, prima di noi lo sapeva, che appartengono a noi, abbiamo perso il controllo e la fine del (nostro) mondo era venuto. La mia famiglia hanno perso tutto, ho finito in un campo di concentramento e gli alleati distrutto la mia fabbriche. '

Ci è stato detto più e più volte da 'esperti' e 'teste parlanti' che l'Islam è la religione di pace, e che la stragrande maggioranza di musulmani che vogliono solo vivere in pace. Anche se questa affermazione incondizionato può essere vero, è del tutto irrilevante. Non ha senso lanugine, destinata a farci sentire meglio, e vuole in qualche modo sminuire gli spettri di fanatici un'irruzione in tutto il mondo nel nome dell'Islam.

Il fatto è che i fanatici regola l'Islam in questo momento storico. Si tratta di fanatici che mar. E 'il salario fanatici che uno scatto di 50 guerre in tutto il mondo. Si tratta di fanatici che sistematicamente la macellazione o gruppi tribali cristiani in tutta l'Africa e si stanno gradualmente riprendendo tutto il continente in un ondata islamica. Si tratta di fanatici che la bomba, decapitare, omicidio, o onore-kill. Si tratta di fanatici che rilevano moschea dopo moschea. Si tratta di fanatici che si sviluppa con zelo la lapidazione e appeso le vittime di stupro e gli omosessuali. Si tratta di fanatici che insegnano loro i giovani a uccidere e di diventare kamikaze.

Il disco quantificabili fatto è che la maggior parte pacifica, la 'maggioranza silenziosa,' è intimidito e di corpi estranei.

Comunista, la Russia è stata composta da russi, che volevano solo vivere in pace, ma i comunisti russi erano responsabili per l'assassinio di circa 20 milioni di persone. La maggioranza pacifica erano irrilevanti.

Enorme popolazione della Cina è stata pacifica, come bene, ma comunisti cinesi sono riusciti a uccidere uno scaglionamento 70 milioni di persone.

La media giapponese individuali prima della seconda guerra mondiale non era un sadico guerrafondai. Eppure, il Giappone uccisi e macellati il suo modo tutto il sud est asiatico in un'orgia di uccisione che comprendeva la sistematica uccisione di 12 milioni di cinesi civili; più ucciso con la spada, pala, e baionetta.

E chi può dimenticare il Ruanda, che crollò in macelleria. Non potrebbe essere detto che la maggior parte dei ruandesi! s' sono amante della pace '?

Lezioni di storia sono spesso incredibilmente semplice e schietto, ma per tutti i nostri poteri della ragione spesso si perde la più elementare e semplice dei punti: Pace-amare i musulmani sono stati fatti irrilevanti dal loro silenzio. I musulmani che amano la pace diventi il nostro nemico se non parlare, perché come il mio amico dalla Germania, che si risvegliano un giorno e scoprire che i fanatici proprio loro, e la fine del loro mondo avranno iniziato.

Che amano la pace tedeschi, giapponesi, cinesi, russi, ruandesi, i serbi, gli afgani, iracheni, palestinesi, somali, nigeriani, algerini, s e molti altri sono morti perché la maggioranza non ha pacifica parlare fino a quando non è troppo tardi.

Per quanto riguarda noi che guardarlo tutte unfold, dobbiamo prestare attenzione solo al gruppo che conta, i fanatici che minacciano il nostro modo di vita.

Infine, chi dubita che il problema è grave e cancella solo questo messaggio senza inviarlo via, sta contribuendo alla passività che permette di espandere i problemi. Quindi, portare un po 'e inviare il presente e così via! Speriamo che a migliaia, in tutto il mondo, leggere questo e pensare, e inviarlo su - prima che sia troppo tardi.

Attilio A. Romita
26-07-09, 09:45
Stamane prima di vedere il commendevole sforzo di Maria, ho fatto anche io la traduzione.
Chiedo scusa a tutti per aver inviato il testo in inglese: ieri non ho potuto tradurlo, ma mi sembrava troppo importante per non farlo conoscere.
Google è un ottimo strumento ed un ottimo ausilio, ma come tutti gli strumenti meccanici talvolta non funziona benissimo.
Vi allego la traduzione manuale che forse potrà essere utile per meglio diffondere queste riflessioni ed il messaggio che contengono.
Saluti.

Vittorio Galli
28-07-09, 00:20
Attivismo per la pace, attenzione per i problemi dei popoli, certo vigilanza ma questo scritto sembra spingere ad una guerra preventiva. Troppo spesso la contrapposizione tra "noi" e "loro" è stata ed è tuttora causa di guerre. Forse capire perché esistono certi abissali divari tra le persone e lavorare per colmarli toglierebbe terreno sotto i piedi a chi per questi divari si arricchisce e acquista seguito. Chi ha fame e vede la sua gente morire segue chiunque prometta di cambiare le cose, quindi lavoriamo per eliminare la fame e batteremo il terrorismo senza sparare un colpo.

Attilio A. Romita
29-07-09, 11:35
Vittorio,
sono d'accordo con Te che la disuguaglianza, in tutti i tempi e i campi, è stata fomentatrice di lotte.
Sono d'accordo con Te che, se riusciamo a capire le cause della disuguaglianza, potremmo iniziare a vincere quest'ulima guerra fratricida che sta insanguinando il Mondo.
Purtroppo oltre a capire le cause occorre anche trovare i rimedi reali basati sulle reali disponibilità di "beni" che è possibile mettere in comune.
Purtroppo la quantità di beni è limitata e poche persone, realmente, sono disponibili a perdere il loro benessere a favore di un ideale bene comune.
Come in altra sede ho scritto, da Platone a Gesu Cristo, da San Francesco a Budda, da Gandhi a Madre Teresa, molti illuminati idealisti ci hanno provato e qualcuno ha anche ottenuti importanti successi limitati però a piccoli territori o periodi limitati.
Allora torniamo all'inizio di questa nota.
Secondo me non è importante chi la ha scritta, è importante il contenuto.
Secondo me non si tratta di "interventismo guerresco preventivo", si tratta di far notare che la storia spesso si ripete e che forse qualche esperienza precedente potrebbe indicarci che stare in attesa di eventi miracolosi è altrettanto colpevole che favorire eventi delittuosi.
In questo momento storico, per effetto di mille concause, il pericolo che una frangia mussulmana riesca a convincere una grande quantità di buoni, ma poveri, mussulmani è un pericolo reale che occorre prevenire ed evitare.
In altre epoche storiche, molto vicine a noi come evidenzia la nota, il fatto che la maggioranza silenziosa, o meglio inerte, sia restata a guardare ha provocato "grandi problemi" all'umanità.
"Si vis pacem, para bellum" dicevano gli Antichi Romani; "estote parate" dice il Vangelo anche se in differente contesto.
Non voglio misurarmi con questi testi, desiderei soltanto far capire che l'eccesso di analisi preventive sicuramente possono far arrivare alla giusta diagnosi ed alla cura risolutiva, ma, talvolta, nel frattempo il malato muore per una infezione che poteva essere curata con una terapia d'urto.
Non mi sento un guerrafondaio, mi sento soltanto un banale realista che cerca rapide attuali cure prima che lo sviluppo del male abbia invaso tutto l'organismo.
E, come diceva una vecchia gag radiofonica, "il resto è vita!".:(

Vittorio Galli
29-07-09, 23:10
...SNIP...
Purtroppo oltre a capire le cause occorre anche trovare i rimedi reali basati sulle reali disponibilità di "beni" che è possibile mettere in comune.
Purtroppo la quantità di beni è limitata e poche persone, realmente, sono disponibili a perdere il loro benessere a favore di un ideale bene comune.
Come in altra sede ho scritto, da Platone a Gesu Cristo, da San Francesco a Budda, da Gandhi a Madre Teresa, molti illuminati idealisti ci hanno provato e qualcuno ha anche ottenuti importanti successi limitati però a piccoli territori o periodi limitati.
Allora torniamo all'inizio di questa nota.
Secondo me non è importante chi la ha scritta, è importante il contenuto.
Secondo me non si tratta di "interventismo guerresco preventivo", si tratta di far notare che la storia spesso si ripete e che forse qualche esperienza precedente potrebbe indicarci che stare in attesa di eventi miracolosi è altrettanto colpevole che favorire eventi delittuosi.
In questo momento storico, per effetto di mille concause, il pericolo che una frangia mussulmana riesca a convincere una grande quantità di buoni, ma poveri, mussulmani è un pericolo reale che occorre prevenire ed evitare.
In altre epoche storiche, molto vicine a noi come evidenzia la nota, il fatto che la maggioranza silenziosa, o meglio inerte, sia restata a guardare ha provocato "grandi problemi" all'umanità.
"Si vis pacem, para bellum" dicevano gli Antichi Romani; "estote parate" dice il Vangelo anche se in differente contesto.
Non voglio misurarmi con questi testi, desiderei soltanto far capire che l'eccesso di analisi preventive sicuramente possono far arrivare alla giusta diagnosi ed alla cura risolutiva, ma, talvolta, nel frattempo il malato muore per una infezione che poteva essere curata con una terapia d'urto.
Non mi sento un guerrafondaio, mi sento soltanto un banale realista che cerca rapide attuali cure prima che lo sviluppo del male abbia invaso tutto l'organismo.
E, come diceva una vecchia gag radiofonica, "il resto è vita!".:(

Concordo con te quando affermi che i beni reali sono purtroppo scarsi ma spesso la differenza tra un uomo che non ha più niente da perdere ed un uomo che comunque riesce a tirare avanti è solo una bottiglia di acqua pulita o una ciotola di riso per sfamare la sua famiglia.
Concordo con te sulla terapia d'urto immediata ed efficace, per poi studiare con più calma le soluzioni a lungo termine, ma bisogna stare attenti a non curare un mal di testa con una lobotomia quando basterebbe un'aspirina.
Non dimenticare che anche le maggioranze silenziose ed inerti, se vengono ingiustamente attaccate, possono diventare un nemico molto potente. Oltre all'ingiustizia di prendersela con possibili futuri fiancheggiatori (hai visto Minority report ? ), credi veramente che l'occidente abbia i mezzi per opporsi ad una capillare azione di terrorismo come quella che si scatenerebbe se iniziasse una guerra santa contro l'islam?
Noi abbiamo molto più da perdere di loro e non credo che si trovino molti occidentali disposti a farsi saltare in aria per un ideale o per la patria. Gli islamici hanno il vantaggio di credere veramente alla loro religione mentre per molti occidentali la fede è solo facciata condita con un pizzico di superstizione.
Secondo me l'unico modo di evitare uno scontro tra culture è quello di dare a più persone possibili la possibilità di lavorare per conquistarsi un futuro accettabile. Poi, ma solo dopo potremo discutere di equità sociale e di rinunce a posizioni di benessere.

Attilio A. Romita
30-07-09, 09:23
Vittorio,
tutto le tue considerazioni sono verissime da un punto di vista generale, ma forse vale la pena di rileggere attentamente la nota dalla quale è partita la discussione.
La nota sostiene, con esempi reali, che moltissimi mali degli ultimi 100 anni sono nati perchè piccole cellule maligne non sono state estirpate sul nascere da una maggioranza che per i più svariati motivi non è voluta intervenire.
L'ultimo esempio è l'IRAN, dove alcuni anni fa una minoranza di esagitati promettendo una rivincita dei poveri è andata al potere eletta da una maggioranza che, come si dice a Roma, ha "imboccato" credendo alle promesse. Oggi nelle piazze Iraniane molti piangono per quella scelta: all'epoca bastava semplicemente ragionare e votare; ora occorre combattere e piangere.
Ancora oggi i Mussulmani che inneggiano alla Guerra Santa sono pochi percentualmente, ma hanno fatto e continuano a fare molto danno.
Purtroppo i Cola di Rienzo ed i Masaniello hanno una grande presa sul popolo e sono caduti solo perchè non hanno saputo usare il potere che il popolo aveva dato loro, .....ma allora non c'era la bomba atomica.
Io non voglio usare la lobotomia al posto dell'aspirina, ma non voglio che, per malinteso spirito democratico, da una parte si continui a parlare di irreali egualitarismi e dall'altra poche persone mettano a rischio la mia, anzi la nostra, libertà.
Qualche anno fa un certo Colonnello Gheddafi voleva iniziare una "guerra santa". Rapidamente si prese un paio di sberle pesanti e capì l'antifona. Essendo un realista "finto guerrigliero santo", cominciò a pensare da uomo politico. La Libia possedeva un bene ambito da molti, il petrolio: Gheddafi mise sul piatto il suo potere economico e si evitò di continuare a parlare di jihad islamica. Oggi il colonnello, mascherato da vecchia zia, è diventato un Capo di Stato normale anche se talvolta, per dovere istituzionale, pianta una tenda in una villa di Roma perchè così fanno gli uomini del deserto.
Molte volte per dei mal di testa all'inizio basta l'aspirina, dopo qualche tempo l'infezione aumenta ed è sufficiente estirpare in tempo un paio di molari. Infine quando si sono ritardate troppo le cure giuste può essere necessaria la lobotomia.
Io penso che non bisogna aver paura delle parole anche se a prima vista appaiono poco umanitarie ed estremistiche.:(:mad:

Vittorio Galli
31-07-09, 11:37
Mi spiace, ieri ti avevo scritto una risposta ma, al momento di inviarla il sistema mi ha richiesto l'autenticazione e poi l'ha cancellata :mad: .
Ora vado di fretta ma ti prometto una replica questa sera.

Vittorio Galli
02-08-09, 22:11
Scusa se ti ho fatto attendere ma non sono padrone del mio tempo ancora.
Condivido la tua considerazione in merito alle piccole cellule maligne, una su tutte la nascita del DAP che portò all'avvento del Nazismo, ma i Masaniello o i Cola di Rienzo ebbero grande presa perchè la disperazione è sempre stata la molla della ribellione. Sono pienamente d'accordo sul fatto che le risorse mondiali non permettano assolutamente a tutti di avere un tenore di vita come il nostro ma per evitare che un uomo diventi un terrorista spesso basta un po' d'acqua pulita o una ciotola di riso per sfamare la sua famiglia. Del resto iniziative come il microcredito di Muhammad Yunus o gli ospedali di Gino Strada o ancora il sistema di vendita del Commercio Equo e Solidale riescono a garantire livelli di vita accettabili a milioni di famiglie che certamente per questo non entreranno mai a far parte di qualche organizzazione terroristica. Mi sembra che tu comunque scambi l'impossibilità di reagire delle grandi masse di poveri con l'aquiescenza; ma allora avremmo dovuto sterminare tutti i tedeschi per evitare la nascita del nazismo o tutti i russi per evitare lo stalinismo?
C'è un altra considerazione da fare, le persone della nostra età certamente non si troveranno mai a dover combattere un guerra in prima persona ma solo l'idea che dei ragazzi, nostri figli e nipoti, vengano mandati a morire per difendere la nostra posizione di privilegio mi da i brividi, perchè di questo si tratta alla fine, noi abbiamo ciò che i terroristi vogliono e per ottenerlo sono disposti a ucciderci tutti. Se ci adeguiamo a questa logica anche noi, oltre a non essere migliori di loro, puntiamo diritto verso il baratro. Ricorda troppo da vicino la Endlösung der Judenfrage, la soluzione finale di Hitleriana memoria anche se la loro giustificazione era quella di una presunta purezza della razza.
Concordo con te sul fatto che non si debba abbassare la guardia e che sia necessario anche rinunciare a qualcosa in nome della sicurezza ma continuo a pensare che il rimedio che proponi sia peggiore del male. Secondo me la soluzione migliore è quella di stringere legami sempre più stretti con l'Islam moderato, legami basati sulla reciproca collaborazione e sul rispetto. Ci saranno sempre i Colonnelli Gheddafi che tenteranno di approfittarne ma mi consola pensare che accanto a loro ci saranno anche i Kim Dae-Jung o i Shimon Peres, i Nelson Mandela, gli Óscar Arias, per citarne solo alcuni, che lavoreranno per la pace.

Attilio A. Romita
03-08-09, 08:24
Vittorio,
credo che alcune mie interpretazioni non abbiano avuto una spiegazione sufficiente e per questo possono essere state maleinterpretate.
Stamattina dedicherò il mio tempo alle risposte tecniche (area Help), stasera cercherò una risposta più articolata per questo tema.
A dopo.

Attilio A. Romita
03-08-09, 18:06
Tutte le considerazioni fatte sulle disuguaglianze che affliggono il nostro mondo sono esatte e vari, più o meno efficenti, sono le ricette per tentare di attenuarle se non di risoververle.
Il tema che evevo posto con la nota sulle "colpe della maggioranza silenziosa" voleva essere, però, un altro: grossi cambiamenti avvenuti nel mondo, tutti sono partiti più o meno in sordina promossi da piccoli gruppi, ma quando hanno preso vigore e forza si sono dimostrati estremamente pericolosi e negativi. La maggioranza silenziosa, che poteva intervenire per bloccare i piccoli gruppi pericolosi, si è dimostrata attendista ed agnostica e quando si è resa conto di quel che succedeva era tardi.
Un esempio per capirci. Quante volte leggiamo che una signora, per strada o in metropolitana, è stata agredita da un gruppuscolo di delinquentelli e nessuno è intervenuto per difenderla. Poi questo episodio si ripete alcune volte e tutti si ergono a paladini dell'ordine, purtroppo talvolta accade che quel gruppuscolo è diventato una banda organizzata e ci vuole ben altro che qualche schiaffone per risolvere il problema.
La fame è una cattiva consigliera, ma non la risolviamo dando qualche spicciolo a tutti i pulivetri che ci importunano ai semafori o alle zingarelle che ci impietosiscono con disgraziati bimbi in braccio. Il metodo dell'elemosina a pioggia ci cura la nostra anima, ma incancrenisce il problema.
L'uguaglianza sociale totale è una bella frase che ci riempie l'animo e la mente, ma non è umanamente possibile.
La maggioranza silenziosa è quella che pensa grandi progetti umanitari, dona qualche spicciolo per sentirsi in pace con l'anima e poi, quando è troppo tardi subisce guai e tirannie come, tornando all'inizio di questa discussione, è elencato e descritto dalla nota che avevo inserito.
Esiste una vera reale soluzione? io non la conosco e penso che possano esistere solo mille piccole soluzioni e, talvolta, anche qualche piccola azione dolorosa contro qualcuno.
Chi mi conosce sa che non sono un sadico egoista, ma talvolta vorrei essere se non sadico, ma molto egoista.:D

Vittorio Galli
03-08-09, 20:51
Il problema è, a mio avviso, diverso. Mentre il terrorismo affonda le sue radici nella miseria la delinquenza prospera nella mancanza di valori di riferimento. Mentre i bulli non si battono offrendo loro un lavoro, per i futuri terroristi il discorso è molto diverso. Indubbiamente occorre colpire entrambi questi fenomeni con la massima decisione e non sono certo gli spiccioli dati ad un mendicante che possono contribuire a risolvere il problema. Concordo con te che l'attendismo e, spesso, l'indifferenza permettono a questi delinquenti di prosperare ma purtroppo la maggioranza silenziosa ci circonda ed è molto difficile riscuoterla dal suo torpore. In effetti non esiste una soluzione o, almeno, non un'unica soluzione, bisogna lavorare per indebolire la base del terrorismo riducendo, per quanto, possibile la miseria e contemporaneamente colpirne i vertici dove sono più vulnerabili, negli interessi economici, perché non bisogna dimenticare che armi e finanziamenti arrivano dai traffici illeciti che si svolgono spesso con l'occidente e con una parte di quella maggioranza che non è solo silenziosa ma anche connivente.

Attilio A. Romita
04-08-09, 19:40
Questa volta Vittorio penso di non essere d'accordo.
Sicuramente il terrorismo nasce in paesi dove ci sono sacche di miseria spesso dovute a medievali situazioni di governo.
Un cero Bin Laden nasce in una nazione ricca di petrolio dove però c'è ancora la schiavitù. Irak, Iran sono nazioni che galleggiano sul petrolio e mentre un tempo erano sfruttate da noi occidentali, ora usano quelle richezze per fini ben diversi dal bene della popolazione. In queste nazioni piccoli gruppi di falsi interpreti dell'islam sfruttano i credenti più ignoranti per i loro fini non certo di pace. Ma la nostra "maggioranza silenziosa" agnostica e fiduciosa spera che l'Islam vero, quello buono, prevarrà.
Io non ho una ricetta, ma penso che servirebbe cominciare a chiarire le cose.
Ora farò una affermazione che farà sobbalzare sulla sedia molti dei miei pochi lettori, ma vi prego, prima di esiliarmi completamente, provate a leggere sino in fondo e tentate di capire quello che sicuramente sarò capace di spiegare malamente.
Secondo me la "maggioranza silenziosa" è il peggior male della democrazia. La definizione classica di democrazia è governo del popolo, cioè un popolo deve agire secondo il volere espresso dalla maggioranza dei suoi cittadini. La "maggioranza silenziosa" è invece quella che si astiene dal giudicare, non vota per non sentirsi impegnata, non fa parte neppure della folla plaudente, aspetta e spera che gli eletti, dai quali può sempre dissentire pacatamente, operino per il meglio.
La "maggioranza silenziosa" non sbaglia mai, perchè non prende mai alcuna decisione, al massimo discetta su verità virtuali incontrovertibili proprio perchè virtuali.
La "maggioranza silenziosa" è composta di buoni che al massimo, e per brevissimo tempo, fanno finta di essere contrari o favorevoli a qualcosa soprattutto se è molto lontana.
La "maggioranza silenziosa" paga il pizzo per quieto vivere e, discretamente applaude ed onora chi muore per non averlo pagato.
Forze è ora che la maggioranza perda quel tranquillo aggettivo e conquisti il titolo di "maggioranza attiva" che è sicuramente più faticoso, costoso e pericoloso, ma, con il poeta, ci dice "fatti non fummo per vievre come bruti, ma per seguire virtute e conoscenza".

Vittorio Galli
04-08-09, 21:39
[...SNIP...]
Ora farò una affermazione che farà sobbalzare sulla sedia molti dei miei pochi lettori, ma vi prego, prima di esiliarmi completamente, provate a leggere sino in fondo e tentate di capire quello che sicuramente sarò capace di spiegare malamente.
Secondo me la "maggioranza silenziosa" è il peggior male della democrazia. La definizione classica di democrazia è governo del popolo, cioè un popolo deve agire secondo il volere espresso dalla maggioranza dei suoi cittadini. La "maggioranza silenziosa" è invece quella che si astiene dal giudicare, non vota per non sentirsi impegnata, non fa parte neppure della folla plaudente, aspetta e spera che gli eletti, dai quali può sempre dissentire pacatamente, operino per il meglio.
La "maggioranza silenziosa" non sbaglia mai, perchè non prende mai alcuna decisione, al massimo discetta su verità virtuali incontrovertibili proprio perchè virtuali.
La "maggioranza silenziosa" è composta di buoni che al massimo, e per brevissimo tempo, fanno finta di essere contrari o favorevoli a qualcosa soprattutto se è molto lontana.
La "maggioranza silenziosa" paga il pizzo per quieto vivere e, discretamente applaude ed onora chi muore per non averlo pagato.
Forze è ora che la maggioranza perda quel tranquillo aggettivo e conquisti il titolo di "maggioranza attiva" che è sicuramente più faticoso, costoso e pericoloso, ma, con il poeta, ci dice "fatti non fummo per vievre come bruti, ma per seguire virtute e conoscenza".

Concordo al cento per cento, però non puoi negare che un islam buono, come lo chiami tu, esista ed è quello stesso che ora è in piazza a Teheran. Non buttiamo il bambino insieme all'acqua sporca.

Attilio A. Romita
06-08-09, 16:13
Se l'acqua sporca inquina anche quella buona forse è utile un detersivo forte per pulire bene il bambino!:D:rolleyes:

cgmuratore
05-09-09, 15:41
io sono un vecchio, nuovo di questo forum datemi una mano grazie

Maria Bertuzzo
05-09-09, 15:48
io sono un vecchio, nuovo di questo forum datemi una mano grazie

prima di tutto un benvenuto tra noi!

ora se mi segui andiamo in presentiamoci, ti avvio io la presentazione poi tu prosegui...

per seguirmi clikki sul mio nome, andrai nel mio profilo e vedrai dove sono in quel momento e clikki liì, spero di essere stata chiara ora vado in presentiamoci
cgmuratore: vai nel pannello centrale grey panthers la prima discussione in alto c'è la tua presentazione
devi uscire di qui e andare all'inizio sotto FORUM c'è Grey-Panthers Forum klikka sopra