Pagina 1 di 2 12 ultimoultimo
Visualizzazione dei risultati da 1 a 10 su 11
  1. #1
    Registrato al forum dal
    Dec 2008
    ubicazione
    Roma
    Messaggi
    1,230

    predefinito Margherita HACK ed il nucleare

    Ho letto una bella intervista alla illustre scienziata che ragiona con il cervello e non con la pancia.
    Non è sicuramente di destra, ha fatto battaglie ecologiste, eppure dice:

    http://www.vittoriozincone.it/2011/0...te-marzo-2011/

    La paura è un arma che i politici usano per aver consenso, meno male che ci sono anche gli scienziati che mettono qualche puntino sulle I.

    Buona lettura e ricordate di fare sempre in modo che il cervello guidi la pancia, ....anche soltanto per perdere qualche kilo.
    Attilio A. Romita

  2. #2
    Registrato al forum dal
    Sep 2009
    Messaggi
    885

    predefinito La dieta non vale per tutti

    Quote Originariamente inviata da Attilio A. Romita Visualizza il messaggio
    Ho letto una bella intervista alla illustre scienziata che ragiona con il cervello e non con la pancia.
    Non è sicuramente di destra, ha fatto battaglie ecologiste, eppure dice:

    http://www.vittoriozincone.it/2011/0...te-marzo-2011/

    La paura è un arma che i politici usano per aver consenso, meno male che ci sono anche gli scienziati che mettono qualche puntino sulle I.

    Buona lettura e ricordate di fare sempre in modo che il cervello guidi la pancia, ....anche soltanto per perdere qualche kilo.
    Ma,gli scienziati non hanno il potere decisionale e,neppure quello economico,basta e avanza pensare al destino dei nostri (bravi) ricercatori,con un grande futuro dietro le spalle e con lo stomaco vuoto!
    Bisognerebbe,per essere,veramente, solidali con gli scienziati e con tutti coloro che fanno prevalere i neuroni,( a prescindere dal colore politico),ripensare a una classe dirigente e di governo innovativa e propositiva che prediliga gl'interessi del Paese e non solo la propria pancia!
    Eppure- basterebbe poco-(solo per lasciare un piccolo graffio in una riforma piu' complessiva),penso alle esperienze di altri Paesi che prevedono al massimo due mandati politici e/o, qualsiasi altro incarico di pubblico interesse,in particolare nei confronti degli inconcludenti che,appunto,si adoperano esclusivamente,per dilatare il proprio addome!
    La limitazione del mandato e gli opportuni controlli degli obiettivi politici dei rappresentanti che occupano indegnamente uno scanno,potrebbe essere una bella proposta integrativa della Nostra insostituibile e ancora valida, Carta Costituzionale!!!
    Con la piena e responsabile consapevolezza di un sognatore utopico,dall'incipiente pancetta,vi saluto!!!
    Ultima modifica di Paolo Gruppuso : 11-04-11 a 17:23

  3. #3
    Registrato al forum dal
    Dec 2008
    ubicazione
    Roma
    Messaggi
    1,230

    Angry La politica, il consenso ed altre cose....

    Egregio Paolo,
    era tanto tempo che non ci facciamo una bella discussione.
    Come direbbe un poltico a me molto antipatico, "Ma che ci azzecca..." il tuo commento con l'articolo dedicato da Margherita Hack al nucleare.
    Capisco che ogni scusa è buona per rinvangare una polemica "da perdenti", visto che una maggioranza di presunti imbelli elettori si è stufata del chiaccherificio capace solo di spendere e di portarci sull'orlo della rovina economica.
    E' vero qualche ombra si è addensata sulla testa degli attuali politici vincenti, ma molte di queste ombre sono state create ad arte basandole appunto sul chiaccherificio che pensa di rendere vero un argomennto ripetendolo sino allo sfinimento.
    Egregio Paolo, scusami per la franchezza, ma non ci stò! Non servono altre leggi per "controllare i politici", il voto è sufficiente per decidere il loro destino e se qualcuno pensa che ci siano voti di serie A e voti di serie B, allora sarebbe giusto che facesse una bella cura di "dittatura" per capire il valore della reale democrazia.
    Tutto il resto sono chiacchere!
    Attilio A. Romita

  4. #4
    Registrato al forum dal
    Jun 2008
    ubicazione
    Milano
    Messaggi
    2,551

    Thumbs up Discussione? Non rissa

    Carissimi, che piacere trovare il dibattito a più voci (e gli altri? perchè non si inseriscono?). Ricordo, soprattutto a chi è nuovo del sito, che qui discutere è piacevole scambio di idee e opinioni, espresse anche con pathos ed energia. Nulla a che vedere con certe risse in tv dove sembra vincere, perdendoci tutti, chi strilla di più. Salutoni cari a tutti. vp

  5. #5
    Registrato al forum dal
    Sep 2009
    Messaggi
    885

    predefinito Un messaggio energetico

    "C'azzecca e come"
    Forse non hai letto con la dovuta attenzione o,come spesso si dice,per educazione,sconto io la mia limitata chiarezza!
    E' evidente che non mi riferivo ad una legge sull'operato dei politici inconcludenti,anche se,con l'attuale legge elettorale,la cosiddetta "Porcellum" e/o porcata di una parte dei tuoi sostenitori- il VOTO - è stato mutilato e non si puo' piu' ascrivere fra gli strumenti di massima espressione del Popolo sovrano! Prevale la professionalità aziendale,l'etica,la moralità, e l'esclusione assoluta di qualsivoglia pendenza penale è un optional che,attraverso il voto monco,ci è dato esercitare!!!
    E la Politica??? senza scomodare il ben noto concetto Aristotelico di Polis,si è trasformata in mero esercizio del potere....un potere paterno,nell'interesse dei figli e del padre-padrone forse, piu' dispotico che paterno!
    Ma questo è un altro discorso che secondo te non c'azzecca!?!
    Vorrei chiarire che non sono schierato e non mi riconosco in nessuna parte politica dell'attuale scenario parlamentare e neppure extraparlamentare(solo per fugare qualsivoglia sospetto)!
    Tuttavia, certe incongruenze e/o assurdità imperdonabili da parte di chi ha le responsabilità dirette per far funzionare e possibilmente far crescere il Paese,sono ormai divenute insopportabili.Mi riferisco,appunto,alla ben che minima volontà di risolvere i problemi che c'assillano da anni ormai;fra i tanti:scuola,università,ricerca e sviluppo,economia,beni culturali,PMI,ed in ultimo non perchè meno importante-l'Energia-con la E maiuscola,il motore di ogni Paese che aspira allo sviluppo e all'approvvigionamento energetico autonomo o quasi!
    Ma,dopo il no del referendum al nucleare degli anni '80,cosa è stato fatto? Il nostro astro che ci fornisce tutta l'energia che vorremmo, si vergogna di risplendere tanto intensamente e a fondo perduto in tutto il continente e le isole italiane!
    La sola Germania che non è proprio la terra dove arde il sole per tutto l'anno,ricava dal "solare" piu' del 20% del suo fabbisogno energetico e, si sta attrezzando(come Paese serio e responsabile), per potenziarlo ulteriormente!
    Per il nucleare italiano,i ripensamenti e le perplessità indotte dal disastro giapponese, non rientrano fra le mie perplessità,ma tant'è ,passeranno decenni prima di qualsiasi decisione!
    Stammi bene amico mio,è prova ad astrarti-in senso lato-venir fuori,al di sopra del nerofumo che ci opprime, e giudicare dall'alto con pochi pregiudizi, possibilmente!
    Sempre,tuo amico Paolo
    Ultima modifica di Paolo Gruppuso : 12-04-11 a 15:52

  6. #6
    Registrato al forum dal
    Dec 2008
    ubicazione
    Roma
    Messaggi
    1,230

    Angry

    Egregio Paolo,
    stamattina non ho tempo per parlare di politica, lo farò più tardi.
    Io sono schierato, come è giusto che un Citttadino della Polis faccia.
    Riguardo al porcellum solo una piccola considerazine reale:
    • prima le segreteriie dei partiti proponevano i candidati, sapendo esattamente quanti, dove e come sarebbero stati eletti ed ai cittadini sembrava di poter scegliere
    • ora tutta l'operazione è soltanto meno ipocrita, i Cittadini certificano le liste dei partiti e, se non le condividono, non votano il partito

    questa è la realtà, il resto è ......interpretazione di chi perde.

    Solo per la precisone:
    il tuo dato sulls Germania mi sembra leggermente sballato:
    Grazie a una legislazione che prevede incentivi economici all'installazione di impianti fotovoltaici e la possibilità di vendere l'energia prodotta in eccesso al gestore della rete di trasmissione, la Germania è al primo posto in Europa per la potenza elettrica prodotta da energia solare: tale quantità rappresenta l'1,0% della produzione energetica tedesca[1] e pertanto è attualmente del tutto insufficiente a sostenere il trend crescente della domanda energetica (in Germania la prima fonte di produzione di energia elettrica è il carbone, che copre circa il 43%, mentre al secondo posto c'è il nucleare con quasi il 23%).
    mi dici
    "Stammi bene amico mio,è prova ad astrarti-in senso lato-venir fuori,al di sopra del nerofumo che ci opprime, e giudicare dall'alto con pochi pregiudizi, possibilmente!"
    ma a forza di giudicare astrattamente dall'alto, talvolta si perde il senso della realtà......
    Un caro saluto
    Attilio A. Romita

  7. #7
    Registrato al forum dal
    Nov 2008
    ubicazione
    San Mauro TO
    Messaggi
    3,561

    predefinito pausa caffè

    passo ad offrirvi un caffè, oggi lo beviamo qui, nel pomeriggio faremo la pausa té, credo gradito da tutti, da parte mia sicuramente, buona giornata!...quando poi sono ben sveglia vengo a leggere gli ultimi post...

  8. #8
    Registrato al forum dal
    Oct 2008
    ubicazione
    in provincia di Torino da tanti anni
    Messaggi
    238

    predefinito ...

    Sono poco presente nel nostro portale ma quanto esprime Paolo mi trova sempre più concorde...
    Bruno

  9. #9
    Registrato al forum dal
    Oct 2008
    ubicazione
    in provincia di Torino da tanti anni
    Messaggi
    238

    predefinito ...inserirsi...

    Quote Originariamente inviata da Vitalba Paesano Visualizza il messaggio
    Carissimi, che piacere trovare il dibattito a più voci (e gli altri? perchè non si inseriscono?).
    Ribadisco Vitalba che, nei dialoghi di alcuni tra noi, non è agevole "inserirsi"...a volte, poi, ho la sensazione che alcuni sono rimasti su posizioni che il mondo ha superato o sta superando...ergo, difficile (per chi la pensa così) inserire un proprio pensiero.

    Quando leggo dei problemi che affliggono il Pianeta cerco nuoivi pensieri e nuovi punti di vista "oltre" quanto già molti nostri coetanei dovrebbero essere andati, invece mi ritrovo a leggere di posizioni "vecchie" che nessuno si spinge a "spostare in avanti" per ipotizzare qualcosa di nuovo. Per esempio, parliamo ancora di "partiti"......riconoscendone così un valore......che non hanno più......andiamo "oltre".......ed a chi mi apostroferà dandomi dell'utopista, ricordo che molte utopie hanno cambiato il Pianeta....ed io non ho paura di "scendere in piazza"....forse perchè non ho "privilegi" da perdere....

    Baci
    Ultima modifica di Bruno Di Gioacchino : 30-04-11 a 09:09
    Bruno

  10. #10
    Registrato al forum dal
    Sep 2009
    Messaggi
    885

    predefinito Quando a "perdere" è l'intero Paese

    Quote Originariamente inviata da Attilio A. Romita Visualizza il messaggio
    Egregio Paolo,
    stamattina non ho tempo per parlare di politica, lo farò più tardi.
    Io sono schierato, come è giusto che un Citttadino della Polis faccia.
    Riguardo al porcellum solo una piccola considerazine reale:
    • prima le segreteriie dei partiti proponevano i candidati, sapendo esattamente quanti, dove e come sarebbero stati eletti ed ai cittadini sembrava di poter scegliere
    • ora tutta l'operazione è soltanto meno ipocrita, i Cittadini certificano le liste dei partiti e, se non le condividono, non votano il partito

    questa è la realtà, il resto è ......interpretazione di chi perde.

    Solo per la precisone:
    il tuo dato sulls Germania mi sembra leggermente sballato:
    Grazie a una legislazione che prevede incentivi economici all'installazione di impianti fotovoltaici e la possibilità di vendere l'energia prodotta in eccesso al gestore della rete di trasmissione, la Germania è al primo posto in Europa per la potenza elettrica prodotta da energia solare: tale quantità rappresenta l'1,0% della produzione energetica tedesca[1] e pertanto è attualmente del tutto insufficiente a sostenere il trend crescente della domanda energetica (in Germania la prima fonte di produzione di energia elettrica è il carbone, che copre circa il 43%, mentre al secondo posto c'è il nucleare con quasi il 23%).
    mi dici
    "Stammi bene amico mio,è prova ad astrarti-in senso lato-venir fuori,al di sopra del nerofumo che ci opprime, e giudicare dall'alto con pochi pregiudizi, possibilmente!"
    ma a forza di giudicare astrattamente dall'alto, talvolta si perde il senso della realtà......
    Un caro saluto
    Caro Attilio,
    rispetto il tuo punto di vista,come sempre e, non credo mai di possedere la "verità assoluta";tuttavia la mia analisi nasce da valutazioni,certamente soggettive ma,ti assicuro,non faziose, proprio perchè mi rendo conto (come tanti) che se dobbiamo accettare il "cosiddetto meno peggio" di cio' che offre la "politica" italiana,è necessario non perdere di vista le responsabilità della controparte,l'opposizione!
    Per questo mi riferivo a una classe dirigente ( in toto,destra/sinistra,ormai obsolete),incapace di vedere oltre il proprio orticello,protesa a salvaguardare gli interessi di parte (fenomeno certamente datato),abbastanza impreparata culturalmente e politicamente al punto di farci rimpiangere la cosiddetta prima repubblica.
    Per non sconfinare nel qualunquismo,mi rendo conto che le proposte anche timide di rinnovamento, devono essere individuate con tempestività e,un certo sommovimento fra i cosiddetti innovatori piu' giovani(Sindaci, Presidenti di Regione ed altri del movimento di base dei partiti di destra e sinistra, non strettamente condizionati dalle elite partitiche),possa prevalere per dare una spallata a questa sorta di "Moloc pietrificato"fin dalle prossime elezioni politiche.
    In merito alla crescita,i dati della Germania non sono cosi' sballati,anzi vi è l'impegno del governo tedesco di ulteriori traguardi nel campo del solare e,in generale delle energie alternative entro il 2020;ovviamente,con la consapevolezza e la priorità del "nucleare" per il soddisfacimento della richiesta interna d'energia!
    Ma,tutto cio' vale per tanti altri Paesi dell'Unione,certo con un debito pubblico meno gravoso del nostro,ma con la volontà politica e civile di impegnarsi con forza nei confronti della congiuntura negativa che attanaglia l'economia in generale!
    La volontà delle scelte politiche piu' adeguate,pur nelle difficoltà economiche e finanziare,esprime concretamente un impegno,un riscatto(il Cavaliere parlava di "colpo di frusta" ),una speranza,per intravedere anche una flebile luce di rinascita! Non parlo,a proposito, di ricrescita,perchè l'incatramazione di capelli(e non solo esterni al cranio), su certe teste è già una realtà consolidata.
    Quindi,come puoi notare,mi riferisco al raggiungimento di interessi generali,interessi della gente comune,in particolare a quel 29% di giovani disoccupati,ai ricercatori giovani,che a quasi cinquat'anni avranno la stabilizzazione(posto che decidano di restare in Italia),ai pensionati che pagano le tasse piu' alte del mondo,con un aumento sino a 3 punti in piu' negli ultime tre anni,e il Rosario delle incongruenze solidali continua all'infinito!
    Non si tratta d'interpretazioni a senso unico,solo dei "perdenti",come sostieni tu:
    "Perdiamo tutti,in particolare,si perde la speranza e la credibilità di poter far valere le Nostre grandi risorse intellettuali e creative,si perde il già debole "senso di appartenenza" piu' volte ribadito dal nostro Presidente della Repubblica,si indebolisce sempre di piu' il prestigio del Paese a scapito dei soliti luoghi comuni,(sempre piu' rafforzati e dileggiati), che ci contraddistinguono negativamente" !!!
    Un caro saluto.
    Paolo
    p.s.
    A proposito di Margherita Hack(da te citata),ho avuto il piacere di leggere alcuni suoi saggi e frequentare le sue conferenze alcuni anni fa a Bologna.
    Il suo pensiero,in generale, sulla condizione dell'istruzione e della ricerca e innovazione del nostro Paese è piuttosto critico,cosi' pure sull'impegno istituzionale nei confronti dei ricercatori e della loro condizione attuale e futura.
    Per chi lo desidera, si puo' approfondire l'argomento e tante altre sue personali riflessioni di natura politica e culturale, nel sito della scienziata.
    Ultima modifica di Paolo Gruppuso : 01-05-11 a 13:05

Discussioni simili

  1. referendum e nucleare
    By Laura Bolgeri in forum Noi protagonisti
    Risposte: 3
    Ultimo messaggio: 09-05-11, 09:06
  2. Moratoria di un anno per il nucleare
    By Redazione in forum Green
    Risposte: 1
    Ultimo messaggio: 23-03-11, 16:07
  3. nucleare- sicurezza
    By Laura Bolgeri in forum Noi protagonisti
    Risposte: 12
    Ultimo messaggio: 17-03-11, 20:49
  4. Nucleare, che ne pensiamo?
    By vitalba paesano in forum Pensieri
    Risposte: 47
    Ultimo messaggio: 16-07-09, 17:54

Regole d'invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •