Visualizzazione dei risultati da 1 a 8 su 8
  1. #1
    Adriana Peratici Guest

    predefinito Storia di Luna e del suo amico Luigi

    Nel 2003 mia mamma era ospite in un ricovero per anziani e io sono stata testimone di questa commovente storia.
    In una calda e afosa sera d'estate, con la luna che brillava alta nel cielo, una persona crudele abbandonò una piccola e dolcissima creatura dagli occhi nocciola e dal pelo biondo.
    "Qualcuno" la guidò fino ad una struttura per anziani. Si capì subito che qualcosa sarebbe cambiato, tutti gli ospiti facevano a gara per accarezzare e coccolare quella cagnolina dagli occhi dolci. Così fu chiamata Luna e dopo la visita veterinaria e le vaccinazioni fu ufficialmente e legalmente adottata da un reparto.
    Così ora Luna passa tra gli ospiti e gli operatori coccolata da tutti come da Teresa che, convinta che Luna mangi poco, si fa portare da sua figlia scatole di biscotti e tutti igliorni gliene da qualcuno: all'ora stabilita Luna le si avvicina e sa con esattezza che lì, al tavolo di Teresa c'è un boccone buono per lei.
    Ma come tutti i cani, Luna aveva bisogno di un padrone-amico, e toccava a lei scegliere chi sarebbe stato.La scelta era molto difficile, sia gli operatori, sia gli ospiti la trattavano come una reginetta. Sì, era molto difficile scegliere, ma Luna era diventata esigente! Il suo padrone-amico doveva essere davvero speciale!
    Tra le carezze che riceveva, c'era una mano che le trasmetteva qualcosa in più, un'emozione più grande, e Luna non ebbe dubbi. Era quella la carezza più bella! LUNA HA SCELTO LUIGI!!
    Luigi è cieco, su una sedia a rotelle, non parla, e ha solo un braccio e una mano per comunicare. E con quella mano ha accarezzato Luna. Da quel momento sono diventati "due innamora". Luigi ha cambiato umore, e più sereno e "disposto ad arrabbiarsi di meno", Luna ha capito che si deve mettere sul lato della carrozzina deve l'arto non è plegico, e con dolcezza gli lecca la mano.
    Alla messa a letto serale, aspetta che tutto sia a posto e poi si coccola vicino a lui che l'accarezza fino a quando non si è addormentato.
    Quando arriva la moglie di Luigi, la cagnolina le fa tante feste, e quando passeggiano in giardino "non li mollla mai" ed anche se si allontana, poco dopo torna a passeggiare vicino alla carrozzina. Per tutti gli operatori Luna è davvero speciale.
    Ci sarebbero altri episodi, ma concludo dicendo che dall'abbandono di Luna, è nato per gli operatori e gli ospiti un'esperienza bellissima destinata a durare per molto tempo.
    Purtroppo mia madre è mancata ed io non sono più tornata nella casa di riposo, e non ne so più nulla, ma ho raccontato questa storia sperando di trasmettere ad altri l'emozione che ha trasmesso a me.
    Adriana

  2. #2
    Registrato al forum dal
    Dec 2008
    ubicazione
    Roma
    Messaggi
    186

    predefinito Per Adriana

    Grazie Adriana per questa storia bellissima.Peccato che non tutti i cani abbandonati sono fortunati come Luna,nonostante che molto spesso hanno una sensibilità molto superiore all'uomo, come dimostra il tuo racconto.Un caro saluto. Gabrielle

  3. #3
    Registrato al forum dal
    Jun 2008
    ubicazione
    Milano
    Messaggi
    2,551

    predefinito Grazie

    Un racconto da leggere tutto d'un fiato, un'emozione che vince il web e trasmette buoni sentimenti e riflessione. Grazie Adriana, davvero un intervento gradito. Buona giornata vp

  4. #4
    Registrato al forum dal
    Jan 2009
    ubicazione
    asti
    Messaggi
    60

    predefinito

    Cara Adriana leggendo questa bella storia, mi hai fatto tornare in mente un'altra storia successa a me una 15cina di anni fa.Quesa mattina mentre svasavo le piante qrasse, pensavo e ancora pensavo e adesso mi è venuto voglia di scrivere.Era da qualche giorno che era mancata mia mamma ed ero tornata al lavoro.Mettevo la macchina sulla piazza vicino alla ditta che lavoravo e li abitava mia madre e anche io sino a quando non mi ero sposata.Quella mattina ero triste troppi ricordi la sua casa chiusa,però notai un piccolo cagnolino che girava sperso.Lo chiamai,mi seguì a debita distanza senza farsi toccare io entrai in portineria e lui se ne andò.All'indomani c'era dinuovo li, sulla piazza sembrava che mi aspettasse,quel cane,nel mio dolore,mi sembrava un segno di mia madre. Andavo al lavoro con i croccantini in tasca ,lei mangiava mi seguiva sino al lavoro e poi tornava indietro.Sono andata avanti per una settimana a portare i croccantini lei a mangiare e a non farsi prendere.

  5. #5
    Registrato al forum dal
    Jan 2009
    ubicazione
    asti
    Messaggi
    60

    predefinito

    DOpo una settimana non la vidi più.Io avevo già parlato a casa per prenderla.Chiesi in giro e mi dissero che era stata portata al canile.Chiesi allora a mio cognato che è veterinarioin servizio allAsl di poterla prendere.Andai con lui al canile la era stata registrata e sul libretto chiamata.
    :SCARPENTA' cioè spettinata per via dei suoipeli che le coprivano gli occhi.Che gioia portarla a casa poi la dovemmo portare in clinica perche' era anche malata di gastroenterite.Ma quando guarì che gioia averla a casa quando mi quardava con quegl'occhi e io pensavo a mia madre.E' stata con noi tanti anni,due volte ha poi fatto i cuccioli e la vita è andata avanti.Scusate se sono stata lunga ela storia è scritta in due parti ma questo è tutto vero e fa parte della mia vita Silvana

  6. #6
    Registrato al forum dal
    Jun 2008
    ubicazione
    Milano
    Messaggi
    2,551

    predefinito Grazie Silvana

    Oggi, passando da una certa strada di Milano dove c'è un negozio di animali di solito molto carini, pensavo proprio che chi ama gli animali forse non li compera, ma li incontra, li trova, li soccorre. Adesso leggo il racconto di Silvana ed è una piacevole conferma. Grazie, cara amica, per averci raccontato un pezzetto di vita vissuta.vp

  7. #7
    Registrato al forum dal
    Mar 2009
    Messaggi
    16

    predefinito

    Quote Originariamente inviata da Adriana Visualizza il messaggio
    Nel 2003 mia mamma era ospite in un ricovero per anziani e io sono stata testimone di questa commovente storia.
    In una calda e afosa sera d'estate, con la luna che brillava alta nel cielo, una persona crudele abbandonò una piccola e dolcissima creatura dagli occhi nocciola e dal pelo biondo.
    "Qualcuno" la guidò fino ad una struttura per anziani. Si capì subito che qualcosa sarebbe cambiato, tutti gli ospiti facevano a gara per accarezzare e coccolare quella cagnolina dagli occhi dolci. Così fu chiamata Luna e dopo la visita veterinaria e le vaccinazioni fu ufficialmente e legalmente adottata da un reparto.
    Così ora Luna passa tra gli ospiti e gli operatori coccolata da tutti come da Teresa che, convinta che Luna mangi poco, si fa portare da sua figlia scatole di biscotti e tutti igliorni gliene da qualcuno: all'ora stabilita Luna le si avvicina e sa con esattezza che lì, al tavolo di Teresa c'è un boccone buono per lei.
    Ma come tutti i cani, Luna aveva bisogno di un padrone-amico, e toccava a lei scegliere chi sarebbe stato.La scelta era molto difficile, sia gli operatori, sia gli ospiti la trattavano come una reginetta. Sì, era molto difficile scegliere, ma Luna era diventata esigente! Il suo padrone-amico doveva essere davvero speciale!
    Tra le carezze che riceveva, c'era una mano che le trasmetteva qualcosa in più, un'emozione più grande, e Luna non ebbe dubbi. Era quella la carezza più bella! LUNA HA SCELTO LUIGI!!
    Luigi è cieco, su una sedia a rotelle, non parla, e ha solo un braccio e una mano per comunicare. E con quella mano ha accarezzato Luna. Da quel momento sono diventati "due innamora". Luigi ha cambiato umore, e più sereno e "disposto ad arrabbiarsi di meno", Luna ha capito che si deve mettere sul lato della carrozzina deve l'arto non è plegico, e con dolcezza gli lecca la mano.
    Alla messa a letto serale, aspetta che tutto sia a posto e poi si coccola vicino a lui che l'accarezza fino a quando non si è addormentato.
    Quando arriva la moglie di Luigi, la cagnolina le fa tante feste, e quando passeggiano in giardino "non li mollla mai" ed anche se si allontana, poco dopo torna a passeggiare vicino alla carrozzina. Per tutti gli operatori Luna è davvero speciale.
    Ci sarebbero altri episodi, ma concludo dicendo che dall'abbandono di Luna, è nato per gli operatori e gli ospiti un'esperienza bellissima destinata a durare per molto tempo.
    Purtroppo mia madre è mancata ed io non sono più tornata nella casa di riposo, e non ne so più nulla, ma ho raccontato questa storia sperando di trasmettere ad altri l'emozione che ha trasmesso a me.
    Adriana
    storia bellissima veramente bella!

  8. #8
    Registrato al forum dal
    Sep 2008
    ubicazione
    rovereto (tn)
    Messaggi
    3

    Smile

    Care Amiche,
    le vostre storie ......che dire, sono l'espressione dell'amore che hanno gli animali verso gli uomini.
    Peccato che a volte, siamo proprio noi a non voler capire.
    grazie.

Discussioni simili

  1. una notte senza luna....
    By rosaria in forum Noi protagonisti
    Risposte: 13
    Ultimo messaggio: 01-05-11, 19:42
  2. Gian Luigi auguri!
    By vitalba paesano in forum Speciale Grandi Feste
    Risposte: 3
    Ultimo messaggio: 02-04-10, 21:00
  3. Gli orsi della luna
    By Vittorio Galli in forum Miao&Bau
    Risposte: 1
    Ultimo messaggio: 03-08-09, 00:04
  4. Gli orsi della luna
    By Vittorio Galli in forum Miao&Bau
    Risposte: 1
    Ultimo messaggio: 03-08-09, 00:04
  5. Storia di Luna e del suo amico Luigi
    By Adriana Peratici in forum Miao&Bau
    Risposte: 7
    Ultimo messaggio: 20-03-09, 17:44

Regole d'invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •