Visualizzazione dei risultati da 1 a 6 su 6
  1. #1
    Registrato al forum dal
    Oct 2011
    ubicazione
    Milano
    Messaggi
    2

    predefinito Domande a un colloquio di lavoro

    Pochi giorni fa a un colloquio di lavoro mi è stato chiesto di elencare i miei pregi e difetti.
    Mi chiedevo, in casi come questo, cosa sia meglio fare a vostro parere: meglio essere sinceri, modesti o darsi invece un tono d'importanza?
    Mi sono trovata davvero in difficoltà

    Grazie,
    Barbara

  2. #2
    Registrato al forum dal
    Jan 2012
    ubicazione
    Milano
    Messaggi
    247

    predefinito

    Ciao Barbara,
    non sei la sola che si trova in difficoltà a fronte di queste domande. Certamente devi essere sincera e calibrare bene le risposte. A proposito cosa hai detto? Ebbene tra i punti di forza potresti ad esempio, ma non so se sono appropriati per te, dire che sei molto orientata ai risultati : ovvero hai un carattere determinato( subito dopo l'intervistatore ti chiederà un esempio, quindi preparati bene), ambiziosa, (non guasta), ma lotti per conseguire quanto ti sei prefissato, hai facilità nei rapporti interpersonali ecc. Quali difetti: sei talvolta pignola, ma non perdi la visione del tutto ( il rovescio della medaglia e' che svolgi i tuoi compiti coscienziosamente, ma nei tempi assegnati (anche qui va sempre considerato un esempio pratico).
    Nei corsi di orientamento che insieme ad una settantina di ex manager teniamo a studenti diplomandi o laureandi (circa 20mila dal 2000 in poi v. area Scuola in www. Sodalitas.it), la domanda che facciamo spesso nei colloqui finali di selezione è "Mi dica quali sono i suoi punti di forza e di debolezza".
    A disposizione per ogni approfondimento.
    Ultima modifica di Piero Romano : 17-02-12 a 13:59

  3. #3
    Registrato al forum dal
    Oct 2008
    ubicazione
    in provincia di Torino da tanti anni
    Messaggi
    238

    predefinito

    ...anni fa ebbi la ventura di occuparmi professionalmente di "preselezionare" dipendenti in una piccola azienda informatica.

    Cercavamo una impiegata/o amministrativo ed alcuni tecnici.

    Io mi occupavo del personaggio amministrativo e, dopo essermi preparato scrupolosamente ad incontrare i candidati, decisi di porgere, al tremine del colloquio, una specifica domanda : "cosa vuole fare da grande".

    Molti rispondevano : voglio diventare un provetto impiegato; una buona mamma; un esperto contabile; una importante segretaria di un personaggio importante.

    La persona che fu assunta aveva risposto : "voglio dedicarmi all'insegnamento per i bambini".

    Per gli anni che rimase in azienda, quella persona svolse un lavoro splendido ! Apprezzata da tutti i suoi interlocutori per la massima disponibilità, una corretta determinazione, una efficenza che le faceva "anticipare" le esigenze dei suoi interlocutori ed uno stupendo sorriso. Mi ricordo che, nei momenti di difficoltà era solita affermare con voce determinata: "posso farcela !" e ce la faceva sempre.

    Saluti
    Bruno

  4. #4
    Registrato al forum dal
    Jun 2008
    ubicazione
    Milano
    Messaggi
    2,551

    predefinito

    Grazie, Bruno, i tuoi più recenti interventi sono davvero preziosi. E sono personalmente molto lieta di vedere che, nel giro di poco tempo, hai superato il tuo pessimismo in ambito lavorativo. Hai trovato una nuova strada, si vede, che riconosce le tue abilità e competenza. Evviva! Continua a raccontarci, siamo molto interessati. affettuosamente vp

  5. #5
    Registrato al forum dal
    Oct 2008
    ubicazione
    in provincia di Torino da tanti anni
    Messaggi
    238

    predefinito

    Cara Vitalba

    ...il "pessimismo" che ho sviluppato in ambito lavorativo sta "evolvendosi" (meglio tardi che mai !) vesro una qual forma di "comprensione" di molte delle cose che accadono e delle quali, anni addietro, non mi sarei data una spiegazione.

    ...in me resta determinata l'incapacità di accettare "angherie", "soprusi", "ingiustificatezze" (scusate il brutto termine) perpetrati solo per sviscerata incapacità, grettezza e stupidità da soggetti che, immeritatamente, occupano posizioni nelle quali dovrebbero "volere" e "fare" il bene delle raltà che guidano, quindi delle persone che vi lavorano.

    ...cresce in me smodatamente la fiducia nelle persone più giovani. Sarei uno sciocco a non pensarlo ed a non volerlo ! Il futuro è nelle loro mani ! Anche una parte del futuro che lambirà noi non più giovani !

    ...alcuni post in questo portale suscitano in me ricordi "BELLI" ! E, guarda caso, sono senpre, sempre, sempre legati a BELLE Persone ! Mai a "tanti soldi" !

    ...ai giovani, nel mondo del lavoro, suggerisco come "attrezzarsi" con le "armi più potenti e sofisticate"...La preparazione, la professionalità, la determinazione, la certezza di essere nel giusto se si è Onesti e coerenti, la capacità di fissare sempre negli occhi i propri interlocutori anche perchè, quelli delinquenti, non riescono a trenere il tuo sguardo ed allora li smascheri, la certezza di non essere "i migliori" ma di essere "al massimo" si ! La consapevolezza (ed è la cosa più difficile da veicolare) di avere le legittime possibilità di "sbagliare" e di "imparare" prima di arrivare, la certezza che, quando si è disposti a pagare i prezzi giusti, si arriva alla meta.

    ...mi capita spesso, incontrando una persona giovane, di "intuire" la strada che "potrebbe" percorrere e che la porterebbe a reralizzarsi...ma sto imparando ad "ascoltare"...e ad "esserci" se e quando me lo chiedono...è la LORO vita !

    ...mia moglie dice spesso che sono "un'anima in pena" e, se questo vuol dire che chiuderò gli occhi preoccupandomi del futuro mio o di qualche persona giovane, allora ci sto !

    ...non ho ancora finito ! Allora vuol dire che, per me, su questa Terra, c'è ancora altro da fare......

    Baci a tutti.
    Bruno

  6. #6
    Registrato al forum dal
    Oct 2008
    ubicazione
    in provincia di Torino da tanti anni
    Messaggi
    238

    predefinito colloqui di lavoro

    Mi aggancio al primo post scritto da Barbara per raccontarvi una cosa avvenuta ad una persona a me cara anche se.......ancora troppo giovane !

    Lavora, da poco, a Milano per una importante agenzia multinazionale.

    Vuole uscire dal giro vorticoso nel quale si trova ora (non ha orari, lavora più di 10 ore al giorno e non ha sabati liberi) così ha cominciato a cercare alternative.

    All'ultimo colloquio al quale ha preso parte, alla domanda tipo: "cosa sta cercando" ha risposto: guadagnare di più e lavorare di meno ! (non strabuzzate gli cchi ! Mi ha riferito che ha risposto proprio così !)

    Ecco, queste sono fesserie da non fare !

    Va ottimamente "guadagnare di più" ! A me piacerebbe sentirlo dire ! Ma "lavorando di meno" !!!!!!

    Bene, invece, sarebbe stato: "...impegnandomi in una relatà meglio strutturata ed organizzata" che lascia intuire che dove lavori ora devi lavorare troppo perchè altri lavorano meno o male....

    Naturalmente l'incontro si è concluso kO per la mia conoscente !

    Fate attenzione ragazzi !
    Ultima modifica di Bruno Di Gioacchino : 05-05-12 a 22:14
    Bruno

Discussioni simili

  1. Il colloquio con i prof si fa da casa via Skype
    By Francesco Conti in forum Lavoro Giovani - Senior
    Risposte: 2
    Ultimo messaggio: 10-02-13, 10:12
  2. Postura e sorrisi, i segreti del colloquio
    By Francesco Conti in forum Lavoro Giovani - Senior
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 20-01-13, 17:16
  3. Domande&Risposte
    By Attilio A. Romita in forum Technology
    Risposte: 375
    Ultimo messaggio: 28-03-12, 08:13
  4. Domande sul nostro Speciale di aprile
    By vitalba paesano in forum Wellness (salute, terme, sport, fitness)
    Risposte: 21
    Ultimo messaggio: 23-04-10, 21:38
  5. Domande Sul Nostro Speciale Di Febbraio
    By vitalba paesano in forum Wellness (salute, terme, sport, fitness)
    Risposte: 17
    Ultimo messaggio: 24-02-10, 07:59

Regole d'invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •