Lo stage è una tappa importante per l’ingresso dei giovani nel mondo del lavoro. Questa via continua ad essere, invece, uno strumento utilizzato dalle aziende anche dopo la riforma Fornero. E’ quanto emerge da un’indagine ACTI (sportello stage) in collaborazione con Gipd (network di 3800 imprenditori, direttori e dirigenti delle risorse umane). Secondo quanto dichiara Marina Verderajme, presidente di ATCI, “La riforma avrebbe dovuto favorire l’inclusione nel mercato invece di irrigidire la flessibilità in entrata”. (A.M. Catano, Corriere della Sera, 9 nov. 2012, pag. 42).
http://archiviostorico.corriere.it/2...2556f42a.shtml