Dalle parole ai fatti. Il primo esperimento di “staffetta”, o “ponte” generazionale sta per andare in porto in Assolombarda con il passaggio a part-time di una segretaria e l’assunzione nel mese di giugno di un giovane. Il “ponte” si basa sul meccanismo che prevede la riduzione dell’orario di lavoro di coloro cui mancano meno di tre anni alla pensione, con corrispondente riduzione dello stipendio, ma contribuzione intera ai fini pensionistici (A. Meomartini, Corriere della Sera, 24 maggio 2013, pag.43). L’idea sta interessando altre regioni (es. Marche, Piemonte e Campania ). Per maggiori informazioni si rimanda a R. Querzè, Corriere della Sera, 7 giugno 2013, pag. 32).