"Cabaret Yddish" di Moni Ovadia , al Teatro Franco Parenti Di Milano fino al 5 gennaio è certamente uno spettacolo da vedere , o rivedere, dato il successo internazionale che ha avuto per molti anni.
E' un viaggio vivace e non indulgente nella cultura dell’ebraismo tradizionale mitteleuropeo.
Lo spettacolo è in forma di cabaret, un mix di musica e teatro.
Moni Ovadia, che è uomo di spettacolo di specchiata intelligenza, trasforma questo sostanziale paradosso dell’evo moderno in materia di canto e di ironia. Costruisce sulle tavole del palcoscenico un piccolo monumento alla realtà ebraica, alla sua inveterata capacità di sopravivere all’esilio, alle marce quarantennali nei deserti, e sa che questo divertente e divertito infilzarsi di barzellette e musiche non può non implicare il sovvenire dell’orrore e dello strazio. Si ride, ma ci si commuove nello stesso tempo.