Buongiorno,
la notizia di un negozio, a Milano, in Via Farini che avrebbe venduto, a prezzi alquanto interessanti, oggetti provenienti da fallimenti, l'ho appresa dal TG 3 Lombardia, circa un mese fa.
Mi era sfuggito il numero civico, ma non ci avevo fatto caso più di tanto, in quanto Via Farini è lunga, divisa in due dal ponte della ferrovia e siccome la percorro coi mezzi pubblici, prima o poi mi sarei reso conto dell' esatta ubicazione.

Un paio di giorni dopo, noto a pochi metri da casa mia, una lunga fila di persone, fila che si snodava sul marciapiede ed altre persone che stavano installando le insegne sopra le vetrine.

I miei tentativi di entrare a vedere di cosa si trattasse sono durati quattro giorni; sono riuscito a entrare una sola volta, ma sono subito scappato fuori per la troppa ressa; poi son partito per una settimana alle terme. E del negozio mi son dimenticato.

Durante la cena del 31....con la famiglia dirimpettaia di pianerottolo e un' altra coppia, la signora di quest' ultima coppia ci informa che nel negozio in questione c'è una vendita di strumenti elettrici da cucina a pochi euro e anche dei giradischi a 15/20 euro.

Sabato 3 passo dal negozio, in vetrina c'è il giradischi di cui si è parlato il 31, e.... a mo' di "de bello gallico" : vidi, entrai, acquistai !
Ho dei vecchi dischi di Jazz facenti parte della Raccolta dei Fratelli Fabbri, che giacciono inascoltati da illo tempore e quindi un revival di memorie....è proprio quello che ci vuole...poi a soli 20 euro !

Esco dall' ascensore con la scatola... e sul pianerottolo incontro la dirimpettaia che innaffia i fiori, la rendo edotta di cosa ho comprato e lei : Cià aprem !

Una volta aperta la scatola e fatto funzionare il giradischi, sempre la dirimpettaia esclama: vado subito a prenderlo anch'io, così sento i dischi miei ed anche quelli della mia mamma.
Mi è stato riferito, sempre dalla dirimpettaia, che mentre si recava in negozio, ha incontrato due amiche, siamo sempre tra Senior, che si sono aggregate ed hanno comprato, a loro volta, un giradischi ciascuna.

La motivazione è sempre la stessa : poter sentire le canzoni della propria gioventù. ma soprattutto non arrivare a disfarsi dei dischi, in quanto non più usufruibili, e con i dischi disfarsi anche dei ricordi e delle emozioni......

Cosa può fare un passaparola.....e sto scrivendo accompagnato da Louis Armstrong che canta e suona "Solitude" da un giurassico 45 giri,ovvero "rpm" per i più acculturati di tecnica obsoleta !!

Buona Befana