Visualizzazione dei risultati da 1 a 5 su 5
  1. #1
    Registrato al forum dal
    Jun 2008
    ubicazione
    Milano
    Messaggi
    2,551

    predefinito Pranzo pasquale che dite?

    Cari amici, considerando che molti di voi approfitteranno della Pasqua per gite, weekend e viaggi, come si comporteranno gli altri, più stanziali, per il pranzo della domenica Santa? Ora che agnelli e capretti sembrano incontrare destini di sopravvivenza migliori, grazie a un'opinione pubblica contraria a macelli di stagione, che si mette in tavola quando arrivano figli e nipoti? Per una volta facciamo i curiosi e vi chiediamo di raccontarci cosa bollirà in pentola per voi. Con qualche ricetta, per favore, assolutamente sperimentata! grazie
    vp

  2. #2
    Registrato al forum dal
    Feb 2009
    Messaggi
    37

    predefinito

    Raccolgo l'invito e anche se la preparazione è un po' lunga, suggerisco questo primo piatto che in realtà può essere anche piatto unico per i più saggi! Sono le lasagne al sugo di carciofi, ricotta e capperi.
    Ingredienti per le lasagne (per una teglia 30x20)
    Lasagne all'uovo 500 g
    PER IL RAGÙ DI CARCIOFI
    Carciofi 10
    Aglio 1 spicchio
    Olio di oliva extravergine 3 cucchiai
    Prezzemolo tritato 2 cucchiai
    Brodo vegetale 3 mestoli
    Sale fino q.b.
    Pepe macinato q.b.
    Limoni 1
    PER LA CREMA DI RICOTTA
    Ricotta 800 g
    Parmigiano reggiano grattugiato 100 gr
    Brodo vegetale 3 mestoli
    Pepe macinato q.b
    Sale q.b.
    Timo 4 rametti
    Capperi 20 g
    Per preparare le lasagne ai carciofi con ricotta e capperi, iniziare dalla pulizia dei carciofi: tagliare gran parte del gambo e la punta dei carciofi. Quindi sfogliarli fino ad arrivare alle foglie più chiare alla base e con un pelaverdure o un coltello mondare il gambo eliminando la parte più filamentosa. Mentre li preparate, porli in una ciotola colma di acqua e limone perché non si anneriscano. Scolare i carciofi, tagliarli a metà e prelevare la barbetta interna con un coltellino . Poi tritarli finemente al coltello . In un'ampia padella far soffriggere leggermente l'aglio tritato con un filo d'olio.
    Unire i carciofi e cuocerli aggiungendo 3 mestoli di brodo vegetale; lasciar stufare i carciofi a fuoco moderato alcuni minuti, perché si ammorbidiscano. Aggiustare di sale e pepe e, a fine cottura, unire anche il prezzemolo tritato . Mentre i carciofi cuociono, procedere con la crema di ricotta: pulire 20 gr capperi staccando il gambo, poi tritarli finemente a coltello . In un mixer versare la ricotta fresca per frullarla e renderla più cremosa . Raccoglierla in una ciotolina e aggiungere il brodo vegetale, il Parmigiano Reggiano grattugiato, mescolare con una frusta per amalgamare gli ingredienti e condire con olio, sale e pepe. Mescolare ancora e versare nella crema anche i fiori di capperi tritati e le foglioline di timo A questo punto oliare una teglia 30x20 cm ; poi condire il fondo con della crema di ricotta e adagiare le lasagne . Continuare con uno strato di crema di ricotta e uno di carciofi trifolati . Proseguire alternando lasagne , crema di ricotta e carciofi fino a terminare gli ingredienti. Cuocere le lasagne in forno statico preriscaldato a 200° per 25 minuti (160° per 15-20 minuti se forno ventilato). Una volta cotte, lasciarle per alcuni minuti in forno spento perché il condimento si rapprenda maggiormente, poi sfornarle e servirle ben calde. Un piatto gustosissimo.

  3. #3
    Registrato al forum dal
    Oct 2008
    Messaggi
    50

    predefinito

    Caro amico, mi sembra un'ottima ricetta e con la pancetta che combatto quotidianamente, mi basterebbe come piatto unico. Ma le nostre amiche come risolvono il problema "agnello sì, agnello no"? Perché non si esprimono? Buona serata Matteo B.

  4. #4
    Registrato al forum dal
    Feb 2015
    ubicazione
    Italia
    Messaggi
    9

    predefinito

    Non Vi mettete a ridere... ma avevo ancora un cavolo rosso in frigo e quindi, volendo anch'io rinunciare a contribuire alla mattanza di agnelli&capretti, sto per infornare un'anatra come la si cucina in Germania&Austria per Natale... (lo so, non necessariamente coerente ma intanto e' comunque molto meglio che massacrare dei cuccioli...).
    L'anatra, dunque, ma aromatizzata con un'erba che qua non usa: i fiori in boccio e seccati dell'artemisia vulgaris. Nelle cucine "teutoniche" e' l'erba aromatica per eccellenza per questo genere di preparazioni. L'ho provata anche sulla faraona e viene benissimo. Il tutto col cavolo rosso di cui sopra (stufato ma lasciato al dente) e patate al forno. Niente primo... per stare leggeri... ;-)

  5. #5
    Registrato al forum dal
    Jun 2008
    ubicazione
    Milano
    Messaggi
    2,551

    predefinito

    Quote Originariamente inviata da Raffaela Millonig Visualizza il messaggio
    Non Vi mettete a ridere... ma avevo ancora un cavolo rosso in frigo e quindi, volendo anch'io rinunciare a contribuire alla mattanza di agnelli&capretti, sto per infornare un'anatra come la si cucina in Germania&Austria per Natale... (lo so, non necessariamente coerente ma intanto e' comunque molto meglio che massacrare dei cuccioli...).
    L'anatra, dunque, ma aromatizzata con un'erba che qua non usa: i fiori in boccio e seccati dell'artemisia vulgaris. Nelle cucine "teutoniche" e' l'erba aromatica per eccellenza per questo genere di preparazioni. L'ho provata anche sulla faraona e viene benissimo. Il tutto col cavolo rosso di cui sopra (stufato ma lasciato al dente) e patate al forno. Niente primo... per stare leggeri... ;-)
    Cara Raffaela.... buona Pasqua e ottima ricetta.... sentiamo il profumino da qui! vp

Tags for this Thread

Regole d'invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •