Pagina 1 di 2 12 ultimoultimo
Visualizzazione dei risultati da 1 a 10 su 17

Discussione: o tempora! o mores!

  1. #1
    Registrato al forum dal
    Apr 2009
    ubicazione
    riviera levante
    Messaggi
    19

    predefinito o tempora! o mores!

    buongiorno a Tutti
    O tempora ! ....o mores!
    così Cicerone deplorava i suoi tempi, quando criticava usi e costumi dei suoi contemporanei.
    In questo caso mi è capitato di pensare la stessa cosa ieri in piscina.
    Mi accingevo a scendere in acqua assieme ad una bimba di 9 anni nipotina acquisita, vicino alla scaletta vi erano due ragazzi e una ragazza più o meno diciassettenni, che si facevano i dispetti l'uno con l'altro, sino a qui nulla di strano, ma quello che mi ha fortemente irritato, è che il frasario di questi era composto di una parola e dieci imprecazioni e bestemmie e a voce ben alta, quasi fossero loro soli!
    Dopo dieci minuti di questa fraseologia, non sono più riuscita a stare zitta e li ho redarguiti, facendo notare che vi erano bambini e persone adulte ,che forse non avevano voglia di partecipare ai loro..." elucubrati discorsi"....! Questi ridendo, sono usciti dall'acqua e da quel momento il loro divertimento è stato di dileggiarmi, facendo finta di telefonare dicendomi parolacce di tutto e di più, nell'intento di provocarmi.
    Mi sono tuffata e il loro divetimento è stato di andare avanti e indietro lungo il bordo continuando nelle loro trivialità, a questo partecipava naturalmente anche la ragazza, che però si limitava a ridere del loro prodezze. .
    Ora io penso: vi erano anche uomini sdraiati a prendere la tintarella, possibile che tutti fossero così distratti da non rendersi conto dello sconcio? Solo una signora si è rivolta a me in segno di approvazione battendo le mani.
    Certo, sono ragazzi e naturalmete ben equipaggiati costume, scarpe firmate, mp3 , cellulari all'ultimo grido...ma io dico educazione familiare insistente, contenuti personali men che meno. Cosa saranno un domani?
    Termino qui perchè non voglio dilungarmi oltre.
    Ultima modifica di Laura : 20-07-09 a 06:44

  2. #2
    Cristina Ricchetti Guest

    predefinito Sono con te

    Ciao Laura,
    per il momento ti esprimo solo la mia solidarietà
    e la mia concreta preoccupazione, spero poi, di
    poter tornare sull'argomento.
    Buona giornata

  3. #3
    Registrato al forum dal
    Jun 2008
    ubicazione
    Milano
    Messaggi
    2,551

    predefinito Cara Laura, solidaretà e applausi

    Quote Originariamente inviata da Laura Visualizza il messaggio
    buongiorno a Tutti
    O tempora ! ....o mores!
    così Cicerone deplorava i suoi tempi, quando criticava usi e costumi dei suoi contemporanei.
    In questo caso mi è capitato di pensare la stessa cosa ieri in piscina.
    Mi accingevo a scendere in acqua assieme ad una bimba di 9 anni nipotina acquisita, vicino alla scaletta vi erano due ragazzi e una ragazza più o meno diciassettenni, che si facevano i dispetti l'uno con l'altro, sino a qui nulla di strano, ma quello che mi ha fortemente irritato, è che il frasario di questi era composto di una parola e dieci imprecazioni e bestemmie e a voce ben alta, quasi fossero loro soli!
    Dopo dieci minuti di questa fraseologia, non sono più riuscita a stare zitta e li ho redarguiti, facendo notare che vi erano bambini e persone adulte ,che forse non avevano voglia di partecipare ai loro..." elucubrati discorsi"....! Questi ridendo, sono usciti dall'acqua e da quel momento il loro divertimento è stato di dileggiarmi, facendo finta di telefonare dicendomi parolacce di tutto e di più, nell'intento di provocarmi.
    Mi sono tuffata e il loro divetimento è stato di andare avanti e indietro lungo il bordo continuando nelle loro trivialità, a questo partecipava naturalmente anche la ragazza, che però si limitava a ridere del loro prodezze. .
    Ora io penso: vi erano anche uomini sdraiati a prendere la tintarella, possibile che tutti fossero così distratti da non rendersi conto dello sconcio? Solo una signora si è rivolta a me in segno di approvazione battendo le mani.
    Certo, sono ragazzi e naturalmete ben equipaggiati costume, scarpe firmate, mp3 , cellulari all'ultimo grido...ma io dico educazione familiare insistente, contenuti personali men che meno. Cosa saranno un domani?
    Termino qui perchè non voglio dilungarmi oltre.

    Cara Laura, solidaretà e applausi: condivido con te l'indignazione per una gioventù sciupata dal dileggio e dalla mancanza di intelligenza, ma ancor di più il "cipiglio fiero" con cui- mi par di vederti- hai adottato, a differenza degli altri presenti, l'atteggiamento consapevole e responsabile che ci fa adulti, rispetto ai giovani. Senior sì, ma uomini (e donne) di carattere. Brava! vp

  4. #4
    Adriana Peratici Guest

    predefinito

    Ciao Laura, io personalmente, sarei andata diritta dal responsabile della piscina, e se non li faceva smettere, avrei minacciato di scrivere al giornale locale per le mie lamentele. Ho imparato una cosa, che quando si combatte contro i mulini a vento, bisogna farlo per iscritto, allora si muove qualche cosa, se no tutto rimane uguale, e rimane dentro solo una gran rabbia. Sta tranquilla che se la tua lettera di reclamo appariva sul giornale locale, il responsabile della piscina si sarebbe dato subito da fare! Io mi sono trovata in palestra nella vasca di idromassaggio con tutti i ragazzi che si scambiavano baci e carezze, non era falso moralismo ma ti immagini cosa poteva succedere sotto l'acqua? sono schizzata dalla vasca e ho fatto un pandemonio! - Caio Adri

  5. #5
    renata44 Guest

    predefinito

    E' una cosa veramente scandalosa e irritante ma non c'era un responsabile a cui avresti potuto rivolgerti,comunque dovresti veramente scrivere una lettera aperta al giornale locale e se la piscina è comunale anche al responsabile della giunta, se invece è privata al proprietario dell'impianto,non devi assolutamente stare zitta.

  6. #6
    Registrato al forum dal
    Apr 2009
    ubicazione
    riviera levante
    Messaggi
    19

    predefinito risposta

    Avete ragione io stessa volevo farlo ma essendo piscina comunale è di tutti e di nessuno il bagnino si è ...adoperato...facendo ben due fischi con il fischietto ...!!! C'è da dire che quelli erano in mezzo a noi, per cui più visibili, ma ve ne è una marea di ragazzi che ne combinano di tutto e di più. Si sa Rapallo si anima particolarmente in questi due mesi per cui bisogna prendere tutto, il buono e il cattivo, il bello e il brutto delle situazioni. Però quando ci vuole ci vuole ,dovesse ripetersi la cosa allora non mi fermerei lì.
    Però come dicevo prima come saranno questi giovani , io viaggio spesso in treno , e se mi capita di essere in treno nel momento che vi sono gli studenti , non dico cosa sento e cosa vedo, capisco l 'esuberanza dell'eta, ma credetemi quasi sempre è la cretineria e la pochezza assoluta. NOn voglio essere una bacchettona ho due figli anch'io, ma devo dire che anche quando frequentavano loro stessi la piscina, se li avessi visti o sentiti comportarsi in un certo modo , non li avrei certo premiati...!!!

  7. #7
    Registrato al forum dal
    May 2009
    ubicazione
    Varese
    Messaggi
    205

    predefinito Hai pienamente ragione ma...

    ...ma quello che i ragazzi cercano è proprio la provocazione. Vogliono farsi notare, far vedere che non hanno paura a trasgredire. Tu, richiamandoli all'ordine, hai indirettamente dato loro importanza, gli hai fatto capire che ciò che facevano era veramente provocatorio e così, come bravi cagnolini, ti sono venuti dietro dandoti un ulteriore saggio della loro abilità. Anche se può sembrare sbagliato, l'indifferenza è l'arma migliore in questi casi perchè toglie importanza alle loro "gesta eroiche". se poi diventano violenti bisogna chiamare l'autorità, il responsabile della piscina, un vigile, i carabinieri.

  8. #8
    Registrato al forum dal
    Apr 2009
    ubicazione
    Milano
    Messaggi
    41

    predefinito

    Ai miei tempi bastava che io o le mie sorelle ci dicessimo "cretina" che la mamma ci assestava un sonoro schiaffone.
    Ora questi ragazzi tornano a casa da scuola e non trovano nessuno perchè anche le mamme devono lavorare. E' triste constatarlo, ma purtroppo questa è la vita di oggi e credo che sia difficile porvi rimedio.
    I nostri genitori non si sognavamo nemmeno di difendere il proprio figlio quando magari un professore muoveva loro dei rilievi. Tornavano a casa e il castigo arrivava inesorabile.
    Sì, forse erano troppo severi, però io sono cresciuta bene e senza alcun trauma per qualche sonoro ceffone.
    Purtroppo ...... mala tempora currunt!

  9. #9
    Cristina Ricchetti Guest

    predefinito Cara Laura

    Quote Originariamente inviata da Vittorio Visualizza il messaggio
    ...ma quello che i ragazzi cercano è proprio la provocazione. Vogliono farsi notare, far vedere che non hanno paura a trasgredire. Tu, richiamandoli all'ordine, hai indirettamente dato loro importanza, gli hai fatto capire che ciò che facevano era veramente provocatorio e così, come bravi cagnolini, ti sono venuti dietro dandoti un ulteriore saggio della loro abilità. Anche se può sembrare sbagliato, l'indifferenza è l'arma migliore in questi casi perchè toglie importanza alle loro "gesta eroiche". se poi diventano violenti bisogna chiamare l'autorità, il responsabile della piscina, un vigile, i carabinieri.
    Aderisco in toto all'intervento di Vittorio, cara Laura, e ti ribadisco la mia
    solidarietà. Sona mamma di un quindicenne che già all'età di quattro anni non aveva ritegno alcuno ad offendere mie amiche o signore anziane che si intrattenevano con la sottoscritta a parlare, per strada, a casa, al mare sotto l'ombrellone. Eppure la sua mamma era sempre presente, era il principino voluto bene da tutta la famiglia e la sua famiglia era ed è composta da persone educate, civili, pacate, riflessive e di ottimo esempio per chiunque. Oggi anche lui fa parte di quella "marmaglia" che sembra abbandonata da dio e dagli uomini, ragazzi ai limti del lecito, che fumano precocemente e bevono birra raccontando spavalderie da quattro soldi e vestendosi (svestendosi) con atteggiamenti provocatori da sfidanti antitetici al comune buon senso, alla ragione e soprattuttto alle buone maniere a cui noi tanto teniamo e che insegniamo. Puoi immaginare la mia sofferenza e quante volte ho pensato a quando da più giovane incrociavo ragazzi di tal fatta e con estrema facilità ne attribuivo il risultato ai genitori ... ahimè, che errore !
    Sono certa che questo periodo passerà ed oltre a non dare eccessiva importanza o soddisfazione, se vogliamo, agli atteggiamenti nichilisti di questi ragazzi, pur sempre figli, pur sempre giovani e non del tutto colpevoli, cerco di fare capire il più possibile che lui è e sarà da noi amato comunque, cerco e spero che attraverso l'esempio e l'affetto un giorno arriverà, e si spera presto, il suo, il loro, giro di boa.
    Ciao e a presto

  10. #10
    Registrato al forum dal
    Nov 2008
    ubicazione
    San Mauro TO
    Messaggi
    3,561

    predefinito ciao Laura, una piccola aggiunta a quanto già detto

    Quote Originariamente inviata da cristina.r Visualizza il messaggio
    Aderisco in toto all'intervento di Vittorio, cara Laura, e ti ribadisco la mia
    solidarietà. Sona mamma di un quindicenne che già all'età di quattro anni non aveva ritegno alcuno ad offendere mie amiche o signore anziane che si intrattenevano con la sottoscritta a parlare, per strada, a casa, al mare sotto l'ombrellone. Eppure la sua mamma era sempre presente, era il principino voluto bene da tutta la famiglia e la sua famiglia era ed è composta da persone educate, civili, pacate, riflessive e di ottimo esempio per chiunque. Oggi anche lui fa parte di quella "marmaglia" che sembra abbandonata da dio e dagli uomini, ragazzi ai limti del lecito, che fumano precocemente e bevono birra raccontando spavalderie da quattro soldi e vestendosi (svestendosi) con atteggiamenti provocatori da sfidanti antitetici al comune buon senso, alla ragione e soprattuttto alle buone maniere a cui noi tanto teniamo e che insegniamo. Puoi immaginare la mia sofferenza e quante volte ho pensato a quando da più giovane incrociavo ragazzi di tal fatta e con estrema facilità ne attribuivo il risultato ai genitori ... ahimè, che errore !
    Sono certa che questo periodo passerà ed oltre a non dare eccessiva importanza o soddisfazione, se vogliamo, agli atteggiamenti nichilisti di questi ragazzi, pur sempre figli, pur sempre giovani e non del tutto colpevoli, cerco di fare capire il più possibile che lui è e sarà da noi amato comunque, cerco e spero che attraverso l'esempio e l'affetto un giorno arriverà, e si spera presto, il suo, il loro, giro di boa.
    Ciao e a presto
    Sono perfettamente in accordo con quanto scritto da Vittorio e Cristina
    e penso anche che forse questi ragazzi presi singolarmente mai si comporterebbero in questo modo, questo fenomeno il più delle volte si manifesta quando si trovano in gruppo, (il gruppo può essere anche solo di due persone) non sarei troppo pessimista sul come diventeranno da adulti, matureranno e cambieranno, d'altra parte c'è qualcuno che può scagliare la prima pietra tra di noi? Non credo e io per prima! Ho preso pure tante botte da piccola, e sono riuscita a prendermi pure uno schiaffo da grande, il più generoso in questo era mio padre, solo perchè non stavo zitta e rispondevo sempre, penso di essere cresciuta bene ma non certo per le botte, se non ci fossero state forse sarebbe stato meglio, per quanto mi riguarda non ho mai alzato un dito su mio figlio, in famiglia non è permesso questo a nessuno.
    A Cristina voglio dire che tutto finirà, ne sono certa, lo sai bene che pure io ho passato le mie in questo senso e adesso penso di esserne fuori ma nonostrante tutto continuo a pensare "mai dire mai" augurandomi di non tornare indietro!
    ciao a tutti
    Ultima modifica di Maria Bertuzzo : 22-07-09 a 07:08

Regole d'invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •