PDA

Visualizza la versione completa : Separarsi a 55 anni



Giovanna
28-11-08, 10:36
Io l'ho fatto. Nonostante tutti i miei amici mi consigliassero di non farlo, perché "ormai cosa ti separi a fare?". Mi chiedo se con il tempo si possa diventare meno impulsivi, se gli anni che hai vissuto, con le esperienze che ti hanno dato l'occasione di vivere, possano aiutarti a guardare oltre le piccole parentesi con poca o nessuna importanza e che sembrano non influire sulla correttezza sintattica di una vita che hai cercato di vivere sempre in quello che credevi essere il "rispetto" per gli altri.
Scusate se stamattina sono così contorta e forse poco chiara, ma le mie frasi e questo mio scrivere ad alta voce rispecchiano esattamente come mi sento oggi.
Buona giornata a tutti voi

Roberto Gioffredi
28-11-08, 11:58
Abbiamo un'età che ci ha fatto capire che le 'cose succedono' ed anche quello che tu stai vivendo sarà una tra le tante cose che si vivono.
Quando mi sposai mi sembrava limitativa la formula '..fin che morte vi separi'. Mai avrei immaginato di arrivare alla separazione ma poi le cose sono andate diversamente.
Comunque viviamo in un mondo che ci offre veramente tanto e se, come me, si è in pensione e con una buona salute, si può veramente dedicare il tempo a fare tante cose che prima non si potevano fare.
Personalmente penso che la separazione sia molto necessaria se c'è anche solo l'ombra della cattiveria nel rapporto.

Cristina Ricchetti
28-11-08, 12:12
carissima Giovanna, è veramente difficile entrare nel tuo discorso,
così personale, così 'su misura' direi, di ognuno di noi.
Mai potrà eistere un giudizio o una qualsivoglia considerazione
generalista sulla 'fine' di un rapporto d'amore, mai assurgersi a
detentori della verità, della regola 'universale', di coloro che sanno
per certo che "oramai cosa ti separi a fare", credimi, veramente
brutta frase, avvilente il concetto che intende.
Posso solo dire che personalmente nulla penso sia per sempre,
e quindi nulla mai possiamo dare per scontato, ne abbiamo
scritto tante volte, tutto muta, la vita è veramente imprevedibile
e se da un lato il suo mutare la rende affascinante, dall'altro può
farci immensamente soffrire, e dobbiamo esserne consapevoli,
sempre, soprattutto quando tutto ci sembra perfetto, quando tutto
scivola lento ed esattamente in linea con i nostri desideri.
I miei genitori si separarono dopo 25 anni di matrimonio, noi figli
avremmo preferito lo avessero fatto prima, molto prima,
io oggi sono sposata da trent'anni, ma ti ripeto che nulla sto dando
per scontato, anzi ... ... ...

Maria Bertuzzo
28-11-08, 13:26
non importa se siamo separati o no, l'importante è stare bene con noi stessi (ricordiamoci che comunque non è mai troppo tardi per niente). Viviamo nel presente, quello che è stato è passato, tanto non possiamo tornare indietro, cerchiamo di ricordare solo le cose belle quelle brutte cancelliamole dalla nostra mente, si vive meglio così io lo faccio, mi viene naturale ho questa fortuna probabilmente fa parte del mio carattere
in parte, ma anche al mio impegno di volerlo.
A Giovanna voglio dire: pensa che adesso sei libera come l'aria, devi essere contenta, puoi fare cosa vuoi senza essere condizionata da nessuno, sii felice!
Anche tu Cristina. Ciao a tutti
mb;)

vitalba paesano
28-11-08, 15:40
Cara Giovanna, grazie per aver buttato qui questa mattina, un pensiero che più che contorto definirei molto privato. E noi lo raccogliamo con attenzione e rispetto, con molta, molta delicatezza. Perchè a me viene da pensare che ci voglia molto coraggio e vorrei saperne di più di questa scelta, da quanto tempo sei separata, se hai avuto pentimenti, se respiri arie più leggere. Un grande orecchio (il mio) e un pezzetto di cuore (idem) sono qui in ascolto. grazie vp

Bruno Di Gioacchino
02-12-08, 17:35
Mi piace il pensiero di "non dare mai nulla per scontato" ma mi vien da ragionare sul fatto che, se pur si avverte il bisogno di definire una "separazione" tra over50, uno degli ostacoli che possono far desistere è proprio l'aspetto economico della cosa. I due partner sono autonomi finanziariamente ?

Leggo sempre con cautela ed attenzione molti degli scritti che affidiamo a questo portale e avverto spesso che la "serenità economica" permea la vita di molti (non la mia) ma, avvertendo il bisogno di separarsi, siamo tutti in questa positiva condizione ?

Se così non è, una separazione "desiderata" potrebbe trasformarsi in un calvario senza fine..........

Giovanna
03-12-08, 09:25
Se così non è, una separazione "desiderata" potrebbe trasformarsi in un calvario senza fine..........

Ciao Bruno, sono d'accordo con te. Se io sono arrivata a prendere questa decisione è perchè "me lo potevo permettere", anche se il salasso economico lo subisce più il marito che la moglie (o sbaglio?).
Forse, e me ne sto rendendo adesso a poco a poco, la voglia di separarmi nasce molto più indietro nel "mio" tempo, e solo l'occasione del momento mi ha dato la forza di realizzare questo mio desiderio nascosto e messo da parte dalla piacevole routine delle mie giornate e, in fondo, dal piacere di vivere con un uomo, mio marito (ma ormai dovrei dire ex marito), che comunque rimane per me una persona piacevole e che io continuerò ad ammirare e stimare

Giovanna
03-12-08, 09:28
Perchè a me viene da pensare che ci voglia molto coraggio...

Molto coraggio? Non so, Vitalba, se è stato il mio coraggio a darmi la forza di prendere questa decisione... forse è stata solamente la mia impulsività a spingermi a farlo.
Comunque le mie giornate adesso sono molto silenziose... e per il momento non me ne dispiaccio

renato g
13-12-08, 19:28
IO lo ho fatto gia anni fa, quello che meraviglia tutti è che siamo riusciti a rimanere amici, i figli cosi non hanno subito traumi, questo è l'importante. Le cose negative sono all'ordine del giorno, il buon senso dovrebbe essere il faro che illumina i pensieri prima delle azioni. Spesso basta poco, parlare e chiarisi su cosa è meglio per tutti credo sia impagabile, nel tempo dara i suoi frutti, alle volte basta un abbraccio pieno di tenerezza, scoprire che la vita non risparmia niente a nessuno.Forse finisce l'amore, ma il bene è giusto che continui ad esistere

Maria Bertuzzo
14-12-08, 08:00
Hai proprio ragione Renato, condivido il tuo pensiero il buon senso deve sempre prevalere per il bene di tutti, vivere in armonia è la cosa migliore e non è poi così difficile. Anche per la "nostra" Giovanna sarà così.
Ciao a te e a tutti:)
PS: purtroppo anche quello che dice Bruno, per molte situazioni, rende la cosa complicata.:-(